Crema Spalmabile alle Nocciole: stabilizzare l'emulsione

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Ricerca e Sviluppo --> Crema Spalmabile alle Nocciole: stabilizzare l'emulsione

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Crema Spalmabile alle Nocciole: stabilizzare l'emulsione, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Buona domenica a tutti,

Sto lavorando ad un progetto per la realizzazione di una crema spalmabile alla nocciola avente circa il 31% di grassi ed il restante di solidi; i grassi sono principalmente costituiti da olio di semi di girasole e olio di nocciola.

Purtroppo stiamo riscontrando molte difficoltà nella stabilizzazione della crema dato che, dopo un periodo di 90/120 giorni, inizia la separazione tra la fase oleosa e la fase solida. Per emulsionare stiamo utilizzando lecitina di soia ed abbiamo fatto prove al 0,2%, 0,3%, 0,4% del composto totale; mentre la raffinazione della crema avviene a temperature massime di 40°C.

Esiste un calcolo per stabilire in modo teorico il quantitativo di emulsionante da utilizzare? Se si quale?

E' possibile che per avere un'emulsione più stabile il composto debba raggiungere temperature più alte?

Esiste un limite legislativo al quantitativo di emulsionante?

Grazie!


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Crema Spalmabile alle Nocciole: stabilizzare l'emulsione
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Dal punto di vista normativo: RegCE 1333/2008 - Allegato II (modificato dal RegUE 1129/2011Parte E + Parte C

04.2.5.4 - Burro e crema da spalmare a base di frutta a guscio

  • E 322 Lecitine: quantum satis.

Dal punto di vista tecnico, provare a ridurre la granulometria della pasta di nocciole?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

La ringrazio per il riferimento normativo, che andrò a spulciare.

La crema spalmabile - composta da zucchero, olio di semi di girasole, nocciole, latte in polvere e cacao - viene raffinata in una rifinitrice apposita che porta la crema ad una granulometria inferiore a 20 µm.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao,

credo che si possa risolvere aumentando la quantità di lecitina di soia, che in genere (salvo errori) nel cioccolato è allo 0,5%.

Inoltre, sei sicuro che la lecitina sia sciolta? Perché, specialmente quella in granuli, fatica molto a disperdersi.

Potresti risolvere usando una lecitina in pasta, oppure potresti valutare un'emulsionante diverso in termini di HLB (i.e. Hydrophilic-Lipophilic Balance, ovverosia Bilancio Idrofilo-Lipofilo).

Aldo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Buongiorno, avrei una curiosità in merito alle creme spalmabili a base di pasta di nocciole.Mi chiedevo come meglio si stabilizzano se controllando il pH o attraverso trattamenti di calore, insomma mi chiedevo se queste vengono considerate sempre come delle conserve oppure avendo una composizione che assicura una bassa attività dell'acqua posso semplicemente processarle a temperature più basse e con pH sopra i 4,5. Grazie

Chiara


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Salve,

a proposito di creme spalmabili alla nocciola...

sto lavorando per un'azienda dolciara che da poco si è cimentata nella produzione di creme splamabili alla nocciola. Inizialmente non veniva utilizzato nessun emulsionante ma , su mio consiglio, dato il naturale affioramento di olio, ha deciso di intraprendere l'utilizzo di lecitina di soia. Premesso che anche per me è la prima volta, considerando che la parte grassa è di circa il 30 % costituita soprattutto da pasta di nocciole ( più del 20%) e il rimanente è olio di girasole e burro di karitè, avevo pensato di utilizzare la lecitina con una percentuale di 0,5 % sul totale. Pensate che possa andar bene a stabilizzare?

Altra cosa: parlando con un mastro cioccolataio, mi dice che l'ulizzo della lecitina comporta lunghi momenti di attesa ( anche 4-5 ore) e quindi un blocco della produzione e che di certo non è un coadiuvante facile da utilizzare. La lecitina scelta si presenta in polvere. Che cosa ne pensate? Di sicuro avete più esperienza di me e magari potreste aiutarmi...

Grazie in anticipo,

buona giornata e buon lavoro.

Lucia


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

crema, nocciola, e322, stabilizzare, emulsione, pasta, emulsionante, temperatura, olio semi, solido, burro, grassi, olio oliva, sicuro, base, ph, acqua, composta frutta, guscio, lavoro, quantita, cioccolato, frutta, separazione, affioramento, conserve, idrofilo, cacao, legislativo, regolamento ce n 1333 2008, trattamento, composizione, latte polvere, stabilizzazione, calore, limite, riferimenti normativi, zucchero

Discussioni correlate