Confezionamento dei biscotti come CCP

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Confezionamento dei biscotti come CCP

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Confezionamento dei biscotti come CCP, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Un saluto a tutti i tutti i tecnologi e non,

volevo un parere da parte vostra: la fase di confezionamento di biscotti e altri prodotti da forno secchi salati (senza creme) può mai essere intesa come CCP?

Ad un mio cliente i sanitari hanno fatto "storie"... Purtroppo non abbiamo capito, o meglio non hanno ben spiegato, che cosa dobbiamo monitorare in questa fase essendo un CCP.

Voi come la vedete la cosa?

Grazie ancora.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Confezionamento dei biscotti come CCP
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ciao mirko13,

ho sempre sostenuto e sostengo tuttora che chi fa rilievi di non conformità, li deve spiegare ed anche dare indicazioni per le azioni correttive.

Sia che siano controllori ufficiali, che organismi di certificazione.

Chiedi un supplemento di spiegazione...è tuo diritto!

Cordiali saluti,

trentino


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao,

se si trattasse di prodotti freschi con l'utilizzo ad esempio di atmosfere protettive potrei essere d'accordo; ma per un prodotto secco, dove immagino ci sia solo la semplice fase di riempimento dei contenitori e chiusura, non saprei proprio come sia possibile individuarla come un CCP.

Ciao!

Alfredo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao mirko13,

e se fosse che il CCP monitori i corpi estranei?! In fase di confezionamento è l'unico pericolo che presumo possa presentarsi..

Buona giornata!

pi.esse


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao a tutti, ^__^

personalmente credo occorra chiarire se:
 
a) il cliente di mirko13 abbia originariamente identificato la fase di confezionamento dei biscotti come Critical Control Point (CCP) e l'Autorità Competente abbia espresso perplessità in tal senso;
 
oppure, viceversa:
 
b) l'Autorità Competente abbia fatto presente che la fase di confezionamento, in quella specifica realtà produttiva, fosse opportuno considerarla come CCP.
 
Da quanto leggo, sembrerebbe essersi verificata la prima delle due ipotesi e, in un certo senso, auspico che sia andata così: generalmente, infatti, l'ispettore (sia in ambito cogente che volontario) non fornisce indicazioni su come risolvere le non conformità rilevate in sede di audit, ma si limita a valutare quanto messo in atto dall'Operatore del Settore Alimentare (OSA).
 
L'eventualità che l'individuazione di uno specifico CCP sia stata prescritta all'OSA, per partito preso (ovverosia senza che vi fosse la reale necessità, frutto della corretta applicazione dell'albero delle decisioni), sarebbe un'ipotesi preoccupante, in disaccordo con l'arbitrarietà che è alla base della stessa Hazard Analysis and Critical Control Point (HACCP)... Tra l'altro, quest'ultima ipotesi non sarebbe nemmeno così lontana dalla realtà, se si considera la singolare Nota Ministeriale che ha di fatto introdotto nel nostro Paese l'obbligatorietà nell'individuazione di almeno un CCP per un processo produttivo.
 
Relativamente alla necessità di fornire le motivazioni delle non conformità rilevate in sede di audit, concordo pienamente con trentino: l'ispettore ha l'obbligo di fornire esaustive spiegazioni all'OSA.
 
Concordo anche con quanto espresso da gris.a e pi.esse e cioé: così su due piedi risulta veramente difficoltoso identificare come CCP la fase di confezionamento di prodotti da forno secchi, quantomeno considerando eventuali pericoli di tipo biologico.
 
Diverso è il caso del pericolo contaminazione da corpi estranei; in tale ipotesi potrebbe avere senso l'introduzione di un CCP, monitorabile a mezzo metal detector (per i corpi estranei metallici) o x-ray (per una gamma di contaminanti più ampia: metalli, vetri e plastiche dure, etc).
 
Alla luce di queste ultime considerazioni, emerge un'ulteriore necessità (chiedo anticipatamente venia per la ridondanza del messaggio; all'uopo si legga il mio intervento all'interno della discussione CCP: cottura pizza ed affettatura salumi consumati crudi): ritengo che, per poter portare avanti il discorso in modo organico, occorra inevitabilmente che il nostro amico mirko13 fornisca qualche informazione aggiuntiva relativamente allo specifico pericolo a cui si sta effettivamente riferendo.
 
Buona Pasqua e a presto!
Giulio

 


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

critical control point, confezionamento, biscotti, operatore settore alimentare, non conformita, audit, corpo estraneo, ispettore, prodotto forno, haccp, scienze tecnologie alimentari, crema, contaminanti, frutta, azione correttiva, corpo estraneo metallico, metal detector, certificazione, processo produttivo, contaminazione, salumi, base, cottura, fresco, prodotto

Discussioni correlate