Monitoraggio, difesa e tipi di lotta infestanti

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Monitoraggio, difesa e tipi di lotta infestanti --> M1742

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Monitoraggio, difesa e tipi di lotta infestanti. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Monitoraggio, difesa e tipi di lotta infestanti

Il D.Lgs.155/97 prescrive di creare una “catena di controllo” così viene definita in tutte gli stadi del passaggio di un elemento che deve comprendere tra l’altro anche il corriere o il magazzino dove qualsiasi prodotto contenuto in un alimento potrebbe transitare (ingredienti,materie prime…)

 Il Decreto Legislativo 155/97 inserisce una novità sia per la fillera alimentare che ne é direttamente interessata, sia per l’indotto che per essa lavora (OUTSURCING)

Obiettivi:

a) armonizzare in materia alimentare le varie leggi alimentari degli stati membri;

b) dare maggiore importanza al concetto di tutela dei consumatori.

Viene nominato il Responsabile Controllo Qualità (o responsabile dell’industria alimentare), con il dovere di adottare misure idonee a garantire condizioni igienico sanitarie ottimali lungo tutta la filiera produttiva, atte a salvaguardare l’integrità degli alimenti.

Il monitoraggio costante deve permettere di rielvare dati che dovranno essere disponibili per le autorità competenti preposte al controllo.

 

CONTROLLO DEI RODITORI

Una valida e adeguata procedura di controllo dei roditori dovrà mettere in evidenza:

- frequenza dei trattamenti e collegamento al risultato del monitoraggio-consumo;

- planimetria con la localizzazione delle esche;

- indicazione dei contenitori e prodotti utilizzati;

- schede tecniche dei prodotti utilizzati;

- identificazione del responsabile del programma di derattizzazione;

- relazioni periodiche con i risultati del monitoraggio o delle ispezioni, documentati

e firmati.

 

PROCEDURA

Partendo dall’ispezione dell’area esterna, va stabilito se esistono le premesse per la creazione di una recinzione o barriera perimetrale esterna di confine e sulle strutture.

Per fare ciò  valutare il tipo di erogatori da utilizzare, la distanza media fra loro, valutare se nell’ambito dell’area esistono superfici con caratteristiche tali da consigliare una riduzione delle distanze stabilite, prevedere in punti ben delimitati il loro posizionamento, riportando i punti in plani- metria annotando intanto eventuali modifiche strutturati da approntare.

All’interno delle strutture produttive, controllare che tutti i sistemi che entrano (cavielettrici, tubazioni ecc.) siano impenetrabili, annotando eventuali anomalie e/o modifiche da apportare.

Procedendo di pari passo con il lay-out aziendale, continuiamo a selezionare le aree dove posizionare gli erogatori per l’impianto di controllo e monitoraggio.

I materiali dovranno essere

-Contenitori per esche : allo stato attuale parrebbe che nel nostro paese qualsiasi intermedio atto a fungere da contenitore sia capace di svolgere il suo compito, ma in realtà non è sempre così;una delle parole più spesso riportata nel D.Lgs.155/97, è “Contaminazione” che può essere causata come voi ben sapete e abbiamo più volte detto da agenti estranei di origine fisica, chimica e microbiologica.

Peculiarità principali di un Erogatore di esca Topicida sicuro:

a) l’erogatore dovrà essere resistente alle intemperie e non assorbente;

b) dovrà avere un pannello di accesso all’interno che possa essere bloccato in maniera sicura;

c) dovrà essere robusto da impedire l’ingresso ad animali non bersaglio come cani

e gatti;

d) i fori d’ingresso dovranno permettere l’alloggiamento dell’animale bersaglio e

l’accesso all’esca allo stesso, ma dovrà impedire l’accesso ad animali più

grandi non bersaglio;

e) dovrà possedere un sistema di aggancio che permetta di ancorarlo così da non poter essere rimosso da personale non autorizzato;

f) dovrà possedere un’idonea struttura interna idonea al contenimento dell’esca;



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

controllo, monitoraggio, animale, alimentare, decreto legislativo 26 maggio 1997 n 155, alimenti, ispezione, sicuro, impianto, prodotto, legge, filiera, scheda tecnica, microbiologico, legislativo, industria alimentare, trattamento, contaminazione, consumatore, magazzino, igienico sanitario, planimetria, origine, ingrediente, responsabile controllo qualita, autorita competente

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.