Commercializzazione Prodotto Sfuso

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Commercializzazione Prodotto Sfuso

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Commercializzazione Prodotto Sfuso, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Cortesemente gradirei avere dei riferimenti normativi sulla commercializzazione di prodotii sfusi, non confezionati non destinati al consumatore finale, ma da azienda di trasformazione ad azienda di trasformazione. In particolare mi riferisco se talii prodotti liquidi (bevande aromatizzate 14.40 %vol di alcol) devono essere seguite da numero di lotto da riportarsi in documento che deve scrivere l'azienda produtrice.

GRAZIE


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Commercializzazione Prodotto Sfuso
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Buogiorno,

Decreto Legislativo 109 del 1992 articolo 17:

art. 17. Prodotti non destinati al consumatore.

1. I prodotti alimentari destinati all’industria, agli utilizzatori commerciali intermedi ed agli

artigiani per i loro usi professionali ovvero per essere sottoposti ad ulteriori lavorazioni nonché i 

semilavorati non destinati al consumatore devono riportare le menzioni di cui all’art. 3, comma 1,

lettere a), c), e) ed h):

a) la denominazione di vendita;

c) la quantità netta o, nel caso di prodotti preconfezionati in quantità unitarie costanti, la

quantità nominale;

e) il nome o la ragione sociale o il marchio depositato e la sede o del fabbricante o del

confezionatore o di un venditore stabilito nella Comunità economica europea;

h) una dicitura che consenta di identificare il lotto di appartenenza del prodotto;

2. Le indicazioni di cui al comma 1 possono essere riportate sull’imballaggio o sul recipiente o

sulla confezione o su una etichetta appostavi o sui documenti commerciali.

2-bis. Ai prodotti di cui al comma 1 non si applicano le disposizioni di cui all’articolo 3, comma 2 (Le indicazioni di cui al comma 1 devono essere riportate in lingua italiana; è consentito riportarle anche in più lingue. Nel caso di menzioni che non abbiano corrispondenti termini italiani, è consentito riportare le menzioni originarie)

Spero di essere stato utile

saluti

Alfredo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ringrazio per la precisa e veloce risposta.

Ciao gris.a.

SIMISIMI


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Cortesemente gradirei avere dei riferimenti normativi sulla commercializzazione di prodotii sfusi, non confezionati non destinati al consumatore finale, ma da azienda di trasformazione ad azienda di trasformazione. In particolare mi riferisco se talii prodotti liquidi (bevande aromatizzate 14.40 %vol di alcol) devono essere seguite da numero di lotto da riportarsi in documento che deve scrivere l azienda produtrice.

GRAZIE

Per quanto concerne gli alimenti destinati ad utilizzatori commerciali intermedi , devi fare riferimento all'articolo 17 del DL.gsvo n°109 del 27/01.92. (E successive modifiche ed integrazioni DL.gsvo 181/03). E se questo il caso il numero di lotto deve essere menzionato o sull' imballaggio (da non intendersi come confezione)  o in alternativa sui documenti commerciali d'accompagnamento .

Qualora ti riferissi invece  a prodotti allo stato sfuso destinati si ai consumatori finali   ma solo successivamente .

Piu esattamente mi riferisco alla fasi precedenti alla vendita al consumatore finale propriamento detto , in questo caso subentra il regime giuridico di cui all'articolo 16 comma 8  della disciplina decretizia sopraccitata  (Queste regole vallgono anche per i prodotti di grossa pezzatura , originariamente preconfezionati  ma venduti al consumatore finale previo frazionamento ( Il Dlgsvo 109/92 ha subito modifiche piu ò meno rilevanti con l'entrata in vigore del DL.gsvo 181/03 ).

Concludendendo questa tipologia di prodotti devono riportare riportare le menzioni seguenti : a) denominazionedi vendita , b) elenco degli ingerdienti (se trattasi di prodotti pluricomponenti) , c) La quantità netta , e) Il nome o la ragione o il machio depositato  o del fabbricante o del confezionatore o di un venditore autorizzato all'interno dell'unione europea  h) una dicitura che consenta di identificare il lotto di produzione . Le indicazioni di cui sopra possono riportate anche unicamente sui documenti commerciali d'accompagnamento del prodotto.

Le indicazioni di cui sopra corrispondono a quelle richieste per i prodotti preconfezionati in unita di vendita destinate come tali ai consumatori finali  dalle lettere : A) ,B) ,E) ,H), previste dall'articolo del piu sopraccitato DL.gsvo .109/92.

Con i miglliori Saluti

 

Robert

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

consumatore, commercializzazione prodotti sfusi, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, preconfezionato, imballaggi, quantita netta, prodotto, confezione, quantita, alimenti, confezionamento, professionale, bevande, riferimenti normativi, prodotto alimentare, etichetta, prodotti liquidi, semilavorato, prodotto non destinato consumatore

Discussioni correlate