Registrazioni quantità nominale e metrologia legale

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Registrazioni quantità nominale e metrologia legale

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Registrazioni quantità nominale e metrologia legale, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Salve a tutti,

ormai molte aziende che vendono prodotti preconfezionati a peso fisso (imballaggi preconfezionati CEE) si sono attrezzate con sistemi di pesatura che garantiscono anche il controllo statistico dei pesi delle confezioni.

Nel caso in cui un'azienda operi con un riempimento manuale, garantendo, quindi, la misurazione di tutte le confezioni prodotte (fermo restando la conformità delle caratteristiche dello strumento utilizzato) che tipo di registrazioni deve mantenere?

Nella Legge n°690/1978 si parla ampiamente di documentare l'attività di controllo statistico, ma non si parla di registrazioni in caso di misurazione del controllo effettivo, ne consegue che sono sufficienti documenti relativi a caratteristiche e taratura dello strumento utilizzato e procedura che indichi la pesatura di ogni singola confezione?

Grazie per il chiarimento.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Registrazioni quantità nominale e metrologia legale
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ciao,

invito a leggere il nostro articolo sui preimballaggi intitolato Preimballaggi: controllo metrologico dei prodotti preconfezionati, che sicuramente può essere utile.

Saluti.

Alfredo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Utilizzo questa vecchia discussione per togliermi, se possibile un dubbio:

Nel caso in cui un'azienda molto piccola, non dotata di selezionatrice ponderale che debba effettuare il controllo statistico secondo la normativa vigente se ho ben compreso si determina questa situazione (prendo come esempio il più semplice, una produzione di 500 pz per la quale è quindi previsto un campionamento doppio di 30 confezioni per campione).

L'azienda, al termine dell'attività produttiva sceglie a caso le due unità campionarie di 30 confezioni ciascuna e procede al "Controllo del contenuto effettivo dei singoli elementi di un lotto di imballaggi preconfezionati" delle prime 30 confezioni al fine di verificare che il numero di campioni difettosi (confezioni con peso inferiore alla quantità minima tollerata secondo quanto previsto dall'allegato I della Legge 690/78) sia inferiore al criterio di accettazione. Supponiamo che questo controllo abbia esito conforme e che quindi si possa procedere al "Controllo della media dei contenuti effettivi dei singoli elementi di un lotto di imballaggi preconfezionati" utilizzando le 30 misurazioni effettuate in precedenza.
Supponiamo che anche questo controllo abbia esito positivo. Significa che con 30 misurazioni ho determinato la conformità di 500 confezioni. Questo se ho correttamente compreso la legge. Ora la mia perplessità: esiste certamente la probabilità che tra le 470 confezioni che non sono state sottoposte a controllo ci possa essere una confezione il cui peso è inferiore alla quantità minima tollerata. Nel caso in cui questa (o queste) confezione esista e venga contestata dall'autorità competente, il fatto di poter dimostrare di aver svolto il controllo statistico del lotto secondo quanto previsto dalla Legge è una difesa sufficiente per l'azienda o la stessa verrebbe comunque sanzionata? E in questo caso, come può un'azienda difendersi senza dover necessariamente procedere alla registrazione del peso del 100% delle confezioni prodotte?

Ricordo che parlo dell'esempio di un'azienda piccola le cui produzioni non giustificano la spesa di una selezionatrice ponderale...

Spero di essermi spiegato in modo esauriente, grazie a chi mi saprà rispondere...


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Una domanda: il confezionamento è automatico?

Se puoi dimostrare che il lotto è conforme non mi preoccuperei. E' tollerato che ci siano confezioni sottopeso ma nel complesso del lotto di produzione è la media che conta.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Grazie per la risposta.

No, il confezionamento non è automatico,ma non è praticabile il fatto di pesare il 100% del prodotto se questo era il motivo della domanda. Posso dimostrare che il lotto è conforme attraverso la registrazione del peso di 30 confezioni su 500 e attraverso il calcolo della media di quelle stesse 30 confezioni secondo la formula prevista dalla legge, ma paradossalmente io potrei avere le restanti 470 confezioni sottopeso (ok che a livello probabillistico è un'ipotesi praticamente inverosimile, ma rende l'idea...mettiamo anche che solo il 5% delle confezioni sia sottopeso e sarebbero già 25...) pur essendo il mio lotto conforme. E' questo che mi lascia perplesso... E la forbice si farebbe ancora più ampia ed evidente nel caso di una produzione superiore ai 3200 pezzi dove l'unità campionaria su cui si effettuano i controlli è di 80 pezzi...

Ci vuole un attimo in questo caso ad avere decine di confezioni sottopeso seppur in buona fede e rispettando la norma... Per questo ho il dubbio di non aver compreso io correttamente la norma... Io in azienda lavoro con le selezionatrici ponderali quindi non mi sono mai posto il problema di chi non può usarle...


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Buongiorno Alemar,

tenendo la registrazione dei dati nelle carte di controllo e rispettando la normativa ( il modo cui lei descrive l'iter mi fa capire che è così) io starei tranquillo. parlo per eseprienza.

l'autorità competente può effettuare delle prove ma solitamente si limita a  controllare i dati scritti.

i metodi normativi, poi,  sono stabiliti per diminuire al minuimo le probabilità che ci siano errori su tutta la produzione quindi i suoi controlli sono sufficienti secondo me. 

 

avrei una domanda io: non mi sono mai posto nemmeno io il dubbio di poter fare un controllo al 100% sulla produzione. io poi utilizzo una selezionatrice ponderale dove lavoro.

Sto dando una mano ad un piccolo comerciante che produce pochissime unità ( meno di 100) . si tratta di miele invasettato a mano e pesato su bilancia idonea e tarata. in questo caso siamo di fornte ad un esempio di misurazione totale e non serve il controllo. ma la mia domanda è: è possibile apporre la  "e" in etichetta vicino al peso? 

la "e"  viene apposta in etichetta quando si fanno dei controlli con i metodi espressi nella normativa... in pratica significa "circa".

misurando il 100% dei proeimballati  teoricamente non va aposta la "e" ( o sbaglio?)  ma il cliente vorrebbe apporla perchè commercializza su tutto il territorio europeo e viene richiesta..

spero di essere stato chiaro e che da collega possa illuminarmi.. 

 

Grazie in anticipo


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

confezione, controllo, conforme, peso, legge, registrazione, sottopeso, preconfezionato, selezionatrice ponderale, imballaggi, quantita, lavoro, campione, etichetta, confezionamento, campionamento, miele, sicuramente, taratura, prodotto, carta, preimballaggio, verifica, livello

Discussioni correlate