Denominazione di uno yogurt contenente il 2,2% di grassi

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Denominazione di uno yogurt contenente il 2,2% di grassi --> M5586

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Denominazione di uno yogurt contenente il 2,2% di grassi. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Denominazione di uno yogurt contenente il 2,2% di grassi

Comincio con alcune citazioni:

- Circ. MINISAN 4.1.72 n. 2

Normalmente lo yogurt può reperirsi in commercio, oltre che nel tipo intero, per il quale il contenuto di materia grassa non deve essere inferiore al 3,0% anche nel tipo magro o scremato; in quest'ultimo caso il prodotto finito non deve possedere un contenuto in peso di materia grassa superiore all'1,0%.

- Assolatte

Sulla base del contenuto di materia grassa (m.g.) del prodotto finito, lo yogurt viene classificato magro (m.g. <1%), parzialmente scremato: (m.g. compresa tra 1,5% e 2,0%) e intero (m.g. >3%).

Da ciò si può cominciare a dedurre che i tipi di yogurt si possano essere “ispirati” alle corrispondenti tipologie di latte (partendo dal presupposto che da ogni tipo di latte si ottenga il relativo tipo di yogurt). A quanto pare (ma mi riservo di consultare esperti) nessuno si è posto il problema di definire i prodotti che si collocano nella terra di nessuno (1 – 1,5 e 2 – 3).

Quanto alla denominazione, è mia opinione, che sia necessario inserire quantomeno la specificazione “magro” o simili, dato che, leggendo unicamente “yogurt” il consumatore è legittimamente autorizzato a ritenere trattarsi di yogurt intero. Se poi vogliamo trovare un appiglio normativo, ricordo che:

3. La denominazione di vendita comporta una indicazione relativa allo stato fisico in cui si trova il prodotto alimentare o al trattamento specifico da esso subito (ad esempio: in polvere, concentrato, liofilizzato, surgelato, affumicato) se l'omissione di tale indicazione può creare confusione nell'acquirente. (109/92, art. 4)

La possibilità di non indicare in tabella nutrizionale il valore reale, bensì una menzione del tipo “non superiore a...”, mi risulta ammessa dalla Circ. MIN. SALUTE 30.10.02 n. 7.

Infine, come giustamente segnalato da Antonio, la menzione “0 % grassi”, mi pare pericolosamente simile (quindi vietata) a quella espressamente censurata dall'1924/06 (Le indicazioni con la dicitura "X % senza grassi" sono tuttavia proibite)



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

yogurt, grassi, prodotto, latte, peso, prodotto alimentare, nutrizionale, consumatore, affumicato, base, trattamento, yogurt intero, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, surgelati

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.