Da Ingegneria Industriale a Scienze Tecnologie Alimentari

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Studenti S.T.A. --> Da Ingegneria Industriale a Scienze Tecnologie Alimentari

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Da Ingegneria Industriale a Scienze Tecnologie Alimentari, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Salve a tutti,

volevo qualche informazione utile su questo corso. Attualmente sono iscritto a Ingegneria Industriale ma per motivi di interesse personali vorrei passare a Scienze e Tecnologie Alimentari.

Volevo sapere com'è il corso, se è molto difficile e ci sono tanti laboratori da fare. Nel caso specifico mi vorrei iscriverei presso l'ateneo di Padova. 

Grazie in anticipo,

Andrea


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Da Ingegneria Industriale a Scienze Tecnologie Alimentari
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

La difficoltà di ogni corso è soggettiva e varia da persona a persona; ti faccio un esempio relativo alla mia esperienza personale: io me la sono sempre cavata con la matematica e l'esame l'ho passato ad occhi chiusi mentre ho più difficoltà nelle materie che dovrebbero essere più facili come quello di produzioni di origine animale che trattava argomenti quali i bovini e gli allevamenti; altri miei colleghi invece hanno preso un voto più alto in quella stessa materia (30) ma matematica lo hanno ripetuto 3-4 volte superandolo con un 18 risicato.

La difficoltà di ogni esame invece dipende solo dai professori.

e poi dipende per quale motivo studi; se studi soltanto per superare gli esami o studi per te stesso ;

nel primo caso ti dico che è molto fattibile (potresti avere momenti di crisi e di sconforto come in tutti i corsi ma una volta superati non ti fermerebbe più nessuno, non ci sono materie estremamente difficili che possano indurti ad abbandonare tipo, che so, Diritto Privato di Giurisprudenza o Anatomia di Medicina e anche se c'è un corso di matematica non è la stessa matematica che hai fatto ad Ingegneria), mentre nel secondo caso dipende molto da te (da quanto sei disposto a rinunciare, quanto impegno e passione ci vuoi mettere) perché per ogni argomento da portare all'esame banale ci sono un sacco di cose che dovresti conoscere e che ti servono nella pratica che devi cercarti da te e lì c'è da studiare, studiare, studiare e studiare, in particolare nel settore in cui decidi di cimentarti.

Ci sono dei laboratori ma non sono di certo quelli che dovrebbero spaventarti: i laboratori ti permettono di fare pratica.

Io non studio a Padova ma credo che lì ce ne siano di più. Ad ogni modo l'unica cosa un po' scocciante dei laboratori potrebbe essere dover scrivere una relazione ma ti assicuro che non è la fine del mondo.

Spero di esserti stato d'aiuto.

In bocca al lupo per la scelta e per il tuo futuro. 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Grazie mille per la risposta.

La scelta di questo corso ricade per passione personale. Ho la fortuna che mio padre ha un'azienda che opera nel settore alimentare e durante le vacanze estive delle superiori ho maturato qualche esperienza lavorativa. Da qui la decisione di intraprendere un percorso di studi che mi dia una formazione sul settore alimentare. L'anno scorso mi ero iscritto all'indirizzo di Ingegneria delle Industrie Alimentari ma poi a settembre, prima di cominciare l'università, hanno cancellato il corso e mi sono ritrovato iscritto a Ingegneria Industriale. Un corso molto interressante a mio avviso, poi dipende dagli interessi di ogni singola persona ma devo dire che nutro un particolare interesse per le materie scientifiche. In ogni caso ora ho trovato questo corso a Padova che fa proprio a caso mio. Tra l'altro gli esami di matematica e chimica che ho fatto mi vengono riconosciuti. Mi bastava capire com'è questo indirizzo e se era molto difficile, ma come hai ben detto è una cosa relativa. 

Ti ringrazio per la risposta e spero di riciverne ancora sulle esperienze di questo corso di studi da parte di altri studenti o ex studenti.

Andrea


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao e benvenuto,

mi sento in primo luogo di dirti che la "passione" per questo, come per altri corsi di studi è essenziale e questa, mi sembra di capire, che a te non manchi.

Per quanto riguarda l'esame di matematica, nulla a che vedere, a mio modesto parere con la matematica (esame di Analisi 1 e Analisi 2) di Ingegneria, tuttavia l'approccio scientifico è essenziale, ti dovresti trovare esemi di economia, statistica e marketing.

Esame molto affine al tuo percorso di studi che stai per abbandonare potrebbe essere Operazioni Unitarie, esame "difficile", ma molto interessante , dove affronterai bilanci di massa, di materia  per dimenisonamento di pastorizzatori, evaporatori e via dicendo. In questo modo avrai le basi per addentrarti al meglio all'interno di quello che poi sarà il lavoro che andrai a fare. .

Ci sono poi esami di fisica tecnica, macchine dell'insutria alimentare ecc... con nomi diversi da ateneo ad ateneo pre o post riforma del corso di studi. ma insomma le discipline sono queste.

Ti consiglio di spulciare ogni esame e relativo programma presente sul sito della facoltà per comprendere al meglio quello che ti troverai a dover studiare.

Un discorso a parte per la chimica,  (mi sembra di aver capito che ti contino l'esame già dato),  ma attezione perchè non c'è un solo esame di chimica a Scienze e Tecnologie Alimentari, si va dalla chimica analitica, chimica generale, chimica organica, bichimica, biochimica degli alimenti e via dicendo...

La "conoscenza" della chimica è essenziale in questo corso di studi e ti servirà come punto di partenza per comprendere al meglio i processi e le trasfromazioni che avvengono all'interno e sugli alimenti.

Non mancheranno corsi sulla qualità degli aliemnto, sull'igiene del food (HACCP), legislazione alimentare...

Secondo me è un ottimo corso di studi,  che vede il concatenarsi di  molte discipline dalla biologia, alla chimica, alla fisica, alla microbiologia, dopotutto prova a pensare ad un alimento e immagina di scomporlo dal punto di vista biologico (cellule), chimico,  composizione (composti, molecole presenti ..), fisico (fenomeni fisici che avvengono al suo interno e ad esempio in seguito al suo riscaldamento), possibile adulterazioni, (batteri ecc.. qui subentra la microbiologia)...

Immagina ora di voler pubblicizzare e vendere l'alimento "x" ecco che vediamo entrare in campo l'economia, il marketing...

E così di potrebbe continuare...Ora ho scelto un esempio banale, ma solo per rendere l'idea della "multidisciplinarietà" di questo corso di studi, ma anche per spiegarti in generale di quanto possa essere affascinanate e coinvolgente l'ambiente delle scienze e tencologie alimentari.

Rimango a tua disposizione e in bocca al lupo :-)

Tienici informati!


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Grazie mille per la risposta Marco.

La passione ti posso assicurare che c'è e lo stimolo pure. Perchè penso che non ci sia niente di meglio che studiare qualcosa che ti piace e che sai che ti servirà per il futuro. A mio avviso diventa tutto più semplice e stimolante appunto. Comunque dall'offera formativa e da come ne hai parlato sembra proprio un ottimo corso. Vi terrò sicuramente aggiornati e se magari più avanti avrò bisogno di qualche aiuto o consiglio non esiterò a contattarvi :) Anzi ne approfitto per congratularmi con l'idetore di questo sito e a tutti i suoi participanti. E' molto bello vedere diverse persone con delle passioni e interessi in comune confrontarsi in questo modo. 

 

Andrea

 


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

esame, laboratorio, scienze tecnologie alimentari, alimentare, alimenti, microbiologia, il te, settore agroalimentare, analisi, bilanci massa, formazione, operazioni unitarie tecnologia alimentare, chimica organica, animale, biochimica alimenti, haccp, processo, composizione, lavoro, evaporatore, microrganismi, base, chimica fisica, igiene, qualita, adulterazione, dichiarazione inizio attivita, legislazione alimentare, sicuramente, produzione, origine

Discussioni correlate