Tempo di conservazione in post-abbattimento negativo

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Tempo di conservazione in post-abbattimento negativo

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Tempo di conservazione in post-abbattimento negativo, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Pagine: 1 2

Oggetto:

Grazie ilcorssaro!

Pertanto, a quanto ho capito, in Regione Lombardia è vietato congelare prodotti acquisiti refrigerati; mentre è possibile farlo solo per i semilavorati.

Ciò darebbe una risposta al secondo quesito che pose ulisse all'inizio di questa discussione. E' corretto?

In caso di trasgressione, a quanto contenuto nella Circolare Regionale n°15 da te menzionata, la sanzione prevista quale sarebbe?

Inoltre, se mi dovessi trovare ad operare in un'altra Regione d'Italia (come ad esempio in Sicilia) quale sarebbe la normativa di riferimento che disciplina tale tema?

Grazie!


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Tempo di conservazione in post-abbattimento negativo
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ritengo che la Lombardia sia più avanti di molte altre Regioni in tanti Settori tra cui quello Alimentare!

Quanto ora espongo vale solo per la Provincia di Foggia (Puglia): il possesso dell'abbattitore e relativa descrizione del ciclo di congelamento nella Relazione Tecnica a corredo della Denuncia di Inizio Attività (DIA) o Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) permette alla Ditta di poter congelare i propri semilavorati o prodotti finiti.

Ora, tralasciando che sui Menù debba essere riportata la dicitura "prodotto decongelato" (che sarà valutato conforme come descritto nel proprio Manuale d'Autocontrollo), la questione è: può un ristorante acquistare 50 kg di bistecche in offerta e congelarle avendo un abbattitore e tutta la documentazione in regola?

La risposta è: no!!

Secondo il Servizio Veterinario (e ritengo giustamente), il congelamento dev'essere una misura d'emergenza e non di prassi.

Mi spiego: se ricevo un ordine per un banchetto da 50 persone e si presentano solamente 25, mi resteranno 3 kg di carne che magari dovrò conservare per 5 giorni con il rischio che vada a male; allora i Sanitari "tollerano" il surgelamento, seguendo tutti i criteri Good Manufacturing Practices (GMP), di piccoli quantitativi di carne e pesce.

Per quanto attiene il pesce e la possibilità di bonificarlo mediante surgelamento, come richiesto dal Reg. (CE) n°853/2004, da parassiti quali l'anisakis deve seguire sempre la denuncia, mediante SCIA, del possesso di abbattitore ed aggiornamento del Piano d'Autocontrollo.

Pertanto in Puglia non credo esistano (se qualcuno conosce tali normative lo segnali) normative specifiche in merito al surgelamento presso i ristoranti.

Per la Sicilia non so che dirti.

Saluti.


replyemailprintdownloadaward

Pagine: 1 2



Parole chiave (versione beta)

congelamento, carne, shelf life, ristorante, prodotto, semilavorato, fornitore, base, autocontrollo, ispettore, conservazione, etichetta, temperatura, te, regolamento ce n 853 2004, legge, operatore settore alimentare, congelato, sanzioni, bibliografia, pasta, confezionamento, cotto, validazione, preconfezionato, laboratorio, piano autocontrollo, materia prima, confezione, gmp, legislazione alimentare, interpretazione, regolamento ce n 178 2002, consistenza, riferimenti normativi, conforme, talkin about food forum, microbiologico, prodotto semilavorato, alimentare, distributore, anisakis, termine minimo conservazione, letteratura scientifica, prodotto alimentare, regolamento ce n 852 2004, irrancidimento, determinazione, veterinario, scienze tecnologie alimentari, igienico sanitario, controllo, legislazione, alimenti, dichiarazione inizio attivita, tmc

Discussioni correlate