Responsabilità cilivili e penali

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Responsabilità cilivili e penali

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Responsabilità cilivili e penali, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Bunasera a tutti, sto aprendo un piccolo negozio di alimenti , ma lo gestirò solo a livello commerciale quindi avrò i vari dipendenti, cassiere, salumiere, frutta e verdura e via dicendo.
Se per caso un dipendente mette in vendita un prodotto contaminato, quindi nocivo per la salute anche a livelli gravi, magari anche volutamente, chi è responsabile?
Ipotesi più rara, potrebbe capitare anche che un cliente del mio market possa contaminate un alimento volutamente, anche in questo caso chi è responsabile?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Responsabilità cilivili e penali
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Il responsabile è l'OSA, “la persona fisica o giuridica responsabile di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare nell’impresa alimentare posta sotto il proprio controllo”.

Ciò significa che se sei tu il titolare e non deleghi formalmente nessuno (dandogli anche potere di spesa) oppure hai un socio che svolga la funzione di OSA il responsabile in solido sei tu.

Se un cliente commette un sabotaggio dei tuoi prodotti ed un altro cliente ne subisce le conseguenze, il responsabile sei comunque tu: puoi solo vigilare che ciò non accada.

Diciamo che il rischio di impresa non è da sottovalutare..


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Buongiorno, nel caso in cui un ristorante servisse birra in bottiglia, riportante però errori in etichettatura come ad esempio l'assenza di allergeni, la responsabilità ricadrebbe anche sul ristoratore?

A rigor di logica dovrebbe essere così, anche se, chiedendo a colleghi mi è stato detto che è responsabilità del produttore.

In ciò son d'accordo, ma se per mancanza di competenze o di aggiornamenti del materiale di packaging entra in commercio del materiale non in linea con la normativa reg 1169/11 credo che sia comunque compito di chi vende accertarsi la conformità di ciò che appunto commercializza ed in caso far presente al fornitore quanto riscontrato.

Chiedo comunque conferma a Voi che sicuramente mi saprete dare una risposta che non si basi soltanto sulla mera interpretazione "arlechiniana" della legge.

Grazie


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

alimenti, livello, operatore settore alimentare, frutta, ristorante, bottiglia, legislazione alimentare, controllo, packaging, base, interpretazione, sicuramente, conforme, alimentare, fornitore, prodotto, birra, legge, solido, contaminato

Discussioni correlate