Responsabile della sicurezza alimentare

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Professione Tecnologo --> Responsabile della sicurezza alimentare

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Responsabile della sicurezza alimentare, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Buongiorno a tutti, volevo innanzitutto fare i complimenti vivissimi per questo forum, credo sia un'occasione unica per condividere problematiche e temi relativi alla nostra professione.

Il mio quesito è il seguente: lovoro da diversi anni in una media azienda che produce prodotti della gastronomia surgelati e da qualche mese ci siamo certificati BRC e io sono stato formalmente (con delega ufficiale) nominato responsabiel per la sicurezza degli alimenti. Volevo chiedere se è vero che in casi di non conformità anche gravi (intossicazioni alimentari, ecc..) potrei essere perseguito legalmente (da quelllo che mi risulta si) e se si come posso fare per tutelarmi in situazioni come queste?

So che non è molto professionale chiederlo e che molto dipende dalle realtà aziendali in cui uno si trova, ma mi sono spesso scontrato in merito alla retribuzione adeguata ad un ruolo come questo. Qualcuno di voi sà darmi delle indicazioni più precise?

Grazie e complimenti ancora

 

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Responsabile della sicurezza alimentare
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Buongiorno a tutti, volevo innanzitutto fare i complimenti vivissimi per questo forum, credo sia un occasione unica per condividere problematiche e temi relativi alla nostra professione.

Il mio quesito è il seguente: lovoro da diversi anni in una media azienda che produce prodotti della gastronomia surgelati e da qualche mese ci siamo certificati BRC e io sono stato formalmente (con delega ufficiale) nominato responsabiel per la sicurezza degli alimenti. Volevo chiedere se è vero che in casi di non conformità anche gravi (intossicazioni alimentari, ecc..) potrei essere perseguito legalmente (da quelllo che mi risulta si) e se si come posso fare per tutelarmi in situazioni come queste?

So che non è molto professionale chiederlo e che molto dipende dalle realtà aziendali in cui uno si trova, ma mi sono spesso scontrato in merito alla retribuzione adeguata ad un ruolo come questo. Qualcuno di voi sà darmi delle indicazioni più precise?

Grazie e complimenti ancora

 

 

Ti consiglio di leggere attentamente l'art. 3 del reg. 178/2002, paragrafo 3) e di leggere l'art. 1 del reg. CE 852/2004, paragrafo 1, lettera a).

Sappi comunque che chi ha responsabilità legale deve essere messo nelle condizioni di poter esercitare a pieno il proprio lavoro. Il problema non è tanto lo stipendio che ricevi, ma le risorse che ti mettono a disposizione e il potere decisionale che ti è stato assegnato per esercitare a pieno il tuo lavoro.

Penso che tu debba chiarire bene questi aspetti con il tuo datore di lavoro senza alcun timore.

Cordiali saluti.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Ciao, anch'io faccio il responsabile della sicurezza degli alimenti, anche se non con delega scritta. I problemi che potresti avere possono essere sia di natura penale che amministrativa. Visto che ti sei assunto la responsabilità, al posto del legale rappresentante dell'azienda in cui lavori della sicurezza degli alimenti, ti consiglio di farti un'assicurazione che ti copra se non altro per l'aspetto amministrativo (spesa che comprende la maggiorazione di stipendio dovuta per questa responsabilità).

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Buongiorno a tutti!! ^__^

Inizio col darvi il benvenuto in questo forum di discussione e a farvi i complimenti per gli interessanti spunti!

In linea di massima, concordo sia con quanto affermato da franc.garo sia da sandruz. Tuttavia, credo anche che l'attribuzione della responsabilità, per il Legislatore, vada oltre quanto scritto su un foglio di carta.
Mi spiego: il fatto di avere ricevuto delega scritta da parte della direzione aziendale non rende quest'ultima esente da responsabilità; Anche perchè, vi immaginate cosa accadrebbe se così non fosse? Si potrebbero delineare scenari a dir poco paradossali (per certi versi, molto pericolosi).
Inoltre, specialmente in un periodo difficile come questo, in cui il posto di lavoro fisso è sempre più un miraggio, il neo-laureato potrebbe divenire una sorta di capro espiatorio, preposto a mansioni di grande responsabilità, esclusivamente perchè privo di potere contrattuale nei confronti del proprio datore di lavoro. Certo, sto dipingendo un quadro assai pessimistico; ma, dopotutto, trattasi di deformazione professionale...  ;-)

Comunque sia, ho fatto una rapida ricerca on-line (invito chiunque abbia ulteriore materiale a linkarlo di seguito) in alcuni siti di natura giurisprudenziale. Prima, però, desidererei fare alcune considerazioni.

Come giustamente suggeriva franc.garo, il Regolamento (CE) N. 178/2002  all'art.3 fornisce alcune importanti definizioni che sono alla base della normativa vigente in materia di alimenti.

In particolare, viene definito Operatore del Settore Alimentare (di seguito abbreviato in OSA):

la persona fisica o giuridica responsabile di garantire il rispetto delle disposizioni della legislazione alimentare nell'impresa alimentare posta sotto il suo controllo;

Da notare come il Legislatore parli sia di persona giuridica, ma anche di persona fisica.

Sempre nel Reg.(CE) 178/02 tra le considerazioni iniziali, al punto 30, viene specificato che gli OSA:

sono in grado, meglio di chiunque altro, di elaborare sistemi sicuri per l'approvvigionamento alimentare e per garantire la sicurezza dei prodotti forniti; essi dovrebbero pertanto essere legalmente responsabili, in via principale, della sicurezza degli alimenti. Sebbene tale principio sia affermato in alcuni Stati membri e in alcuni settori della legislazione alimentare, in altri settori esso non è esplicito o la responsabilità viene assunta dalle autorità competenti dello Stato membro attraverso lo svolgimento di attività di controllo. Tali disparità possono creare ostacoli al commercio e distorsioni della concorrenza tra operatori del settore alimentare di Stati membri diversi

Infine, l'art.17 vengono elencati gli obblighi dell'OSA:

Spetta agli operatori del settore alimentare e dei mangimi garantire che nelle imprese da essi controllate gli alimenti o i mangimi soddisfino le disposizioni della legislazione alimentare inerenti alle loro attività in tutte le fasi della produzione, della trasformazione e della distribuzione e verificare che tali disposizioni siano soddisfatte

Nel Regolamento (CE) N. 852/2004 viene ribadita, ad ulteriore scanso di equivoci, che:

la responsabilità principale per la sicurezza degli alimenti incombe all'operatore del settore alimentare;

e che:

l'applicazione generalizzata di procedure basate sui principi del sistema HACCP, unitamente all'applicazione di una corretta prassi igienica, dovrebbe accrescere la responsabilità degli operatori del settore alimentare

Fatte queste considereazioni di massima, io concentrerei l'attenzione sulla natura delle responsabilità giuridiche. E qui si profilano 3 differenti tipologie di responsabilità:

  • amministrativa: di tipo patrimoniale, è legata a violazioni (generalmente di modesta gravità) di norme poste a tutela dell'interesse pubblico. L'autore dell'illecito è la persona fisica che ha commesso il fatto e che viene sanzionata; ciò indipendentemente dal fatto che abbia ricevuto o meno delega di rappresentanza. E' importante notare che se l'autore dell'illecito ha agito come dipendente (o rappresentante) di un soggetto collettivo (ad es. l'azienda per cui lavora) è prevista l'introduzione della responsabilità solidale anche dell'azienda stessa. Pertanto, anche le sanzioni accessorie vengono trasferite al soggetto collettivo.
  • civile: si tratta di violazioni di norme poste a tutela dell'interesse privato. Rientra in questo caso la maggior parte delle coperture assicurative professionali.
  • penale: trattasi della violazione di norme poste a tutela dell'interesse pubblico. In questo contesto, non esiste rimedio assicurativo, poichè illegittimo.

Detto ciò, passerei alla seconda parte del quesito di baldassini: come cercare di tutelarsi. Senza voler scendere troppo nella retorica, ritengo che il modo migliore sia, come sempre, la prevenzione. Occore, cioè, cercare di mantenere una condotta rigorosa, suffragata da documentazione cartacea (perchè come dicevano i latini Verba volant, scripta manent!); attenedosi alla Normativa Cogente in vigore sia nel Paese in cui si trova lo stabilimento di produzione, sia dell'eventuale Paese terzo in cui si desidera commercializzare (e aggiungerei di quello/i in cui la merce transita).

Reputo, inoltre, che l'iscrizione all'Ordine Professionale ed il rispetto scrupoloso della deontologia professionale possano essere un'ulteriore prova d'innanzi al Giudice della Buona Fede dell'OPA.

Solo a questo punto, considerando che, alcune volte, la diligenza dell'OPA non basta, ha senso parlare di Copertura Assicurativa.

A tal proposito, l'Ordine dei Tecnologi Alimentari ha ormai da tempo stipulato una convenzione con una compagnia Assicurativa (i riferimenti li trovate sul sito dell'OTA nazionale).

Concludo, fornendo alcuni link per approfondire l'argomento:

Sarebbe estremamente interessante avere il parere di qualche esperto in materia giuridica... Se riesco, nei prossimi giorni, provo ad invitare in questo nostro dibattito qualche giurista.

A presto!!

Giulio


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Buongiorno,

ero interessata alla discussione e volevo sapere se era stata aperta altrove o se era rimasta in sospeso.

 

Grazie


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

operatore settore alimentare, lavoro, sicurezza prodotti alimentari, alimentare, responsabile sicurezza alimentare, regolamento ce n 178 2002, professionale, legislazione alimentare, controllo, alimenti, copertura, regolamento ce n 852 2004, carta, intossicazione, ordine tecnologi alimentari, legislativo, verifica, assicurazione, haccp, sanzioni, certificato brc, laurea, sicuro, base, igienico, ordine professionale, sicurezza, codice deontologico, professione, surgelati, approvvigionamento, decreto legislativo 31 marzo 1998 n 114, non conformita

Discussioni correlate