Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.taff.biz/home/index.php on line 374 Potenziale ingannevolezza etichettura formaggi (by ) #M - Taff

Potenziale ingannevolezza etichettura formaggi

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Potenziale ingannevolezza etichettura formaggi --> M2771

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Potenziale ingannevolezza etichettura formaggi . Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Potenziale ingannevolezza etichettura formaggi

Ringrazio Maria per il suo intervento  e per la precisa puntualizzazione  della normativa di settore .  Sono piuttosto perplesso  sul successo del nuovo tentativo di imporre l'origne della materia prima , sia per la precedente ed analoga Legge del 2004 (Di fatto lettera morta) , sia per l'orientamento comunitario   attuale  e nutro forti dubbi che muterà  E nonostante il cantare vittoria  di molti   credo che in caso di applicazione  varebbe unicamente per i produttori italiani e non per gli altri produttori U.E (Abberante sotto u profilo tecnico-giuridico) .

Tornando alle argomentazioni di cui sopra , sono consapevole  che certe garanzie  le può fornire unicamente un prodotto DOP  e non uno Biologico .  Mi riferivo  al messaggio recepito dall'acquirente  di medie cognizioni merceologiche (Il quale non conosce certo queste differenze)  e non tanto legato ad un italianità del prodotto  ma al fatto  (A prescindere dalle normative settoriali)  che il messaggio (Innecepibile sotto un profilo formale e tecnico giuridico) alla maggioranza degli acquirenti  evochera certamente un prodotto proveniente e legato strettamente ad una filiera  ben delimitata territorialmente  (So bene che la nozione di prodotto biologico esula da questi aspetti)  .  In  ogni caso la mia era una considerazione . Anche perchè ritengo (vista l'esperienza nel campo  della vigilanza nel settore della sicurezza alimentare , la quale non è mai disgiunta dalla corretta e trasparente informazione , come confernato dal Reg (CE) 178/02  e dal Reg(CE) 882/04 dovuta ai consumatori) . La quale ha comportato  che in qualche caso   (Sopratutto  a Livello  di ristorazione  collettiva)  ci siamo trovati al cospetto di prodotti  dichiarati prodotti attenendosi alle specifiche regole settoriali (regolari nella grande maggioranza  tranne qualche eccezione)

 

Saluti Roberti

 

 



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

prodotto, materia prima, sicurezza prodotti alimentari, ristorazione collettiva, consumatore, legge, regolamento ce n 178 2002, filiera, livello, prodotto dop, regolamento ce n 882 2004

Discussioni correlate (versione beta)








IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.