Corpi estranei metallici negli alimenti

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Corpi estranei metallici negli alimenti

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Corpi estranei metallici negli alimenti, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:
Ciao a tutti,ho ancora bisogno del vostro aiuto! Sapreste dirmi dove posso trovare le tolleranze per i corpi estranei in metallo negli alimenti per l'infanzia o per gli alimenti in generale? In pratica che grandezza minima deve rilevare il mio metal detector? Grazie mille Giorgia.

replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Corpi estranei metallici negli alimenti
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:
Nessuno lo sà?

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Ciao Giogio80.
La risposta alla tua domanda è presente nel Regolamento (CE) N. 466/2001 alla pagina 7

Ti allego il file pdf alla dichiarazione, spero di esserti stato utile.

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Riguardo la tua domanda, per precisione penso abbia più senso chiedersi:
Qual'è la concentrazione massima di corpi estranei in metallo rilevata dal metal detector affinchè un prodotto destinato al mercato di alimenti per l'infanzia possa esser commercializzato senza rischi?

Questo se ho capito bene il senso della domanda!

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Ciao! Il Regolamento (CE) N. 466/2001 definisce i tenori massimi di taluni contaminanti presenti nelle derrate alimentari e tra questi parla anche dei metalli pesanti (vedi ad esempio: As, Cd, Cu, Pb, Zn, etc.).

Invece, mi pare di capire che giogio80 abbia bisogno dei valori minimi rilevabili da un metal detector. Parliamo quindi di frammenti metallici... Se così fosse, per avere una risposta precisa alla domanda, sarebbe opportuno orientare le ricerche alle specifiche tecniche dei metal detectors per l'industria alimentare.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Ciao! Il Regolamento (CE) N. 466/2001 definisce i tenori massimi di taluni contaminanti presenti nelle derrate alimentari e tra questi parla anche dei metalli pesanti (vedi ad esempio: As, Cd, Cu, Pb, Zn, etc.).

Invece, mi pare di capire che giogio80 abbia bisogno dei valori minimi rilevabili da un metal detector. Parliamo quindi di frammenti metallici... Se così fosse, per avere una risposta precisa alla domanda, sarebbe opportuno orientare le ricerche alle specifiche tecniche dei metal detectors per l industria alimentare.

In effetti dalla domanda non si capiva molto bene, hai fatto bene a precisare, l'ultima parola a Giogio80...
Per restare in tema, da ingegnere mi auguro che uno strumento del genere abbia possibilità di rilevare corpi estranei nell'ordine dei milligrammi con tolleranza non superiore al 5%. Questo per preservare la salute di chi ingerisce l'alimento, specie se il soggetto è un neonato.
Visto il basso peso specifico di molti materiali metallici utilizzati in industria alimentare ci si augura che un piccolo frammento tagliente non venga mica ingerito, se dei calcoli piccoli come sabbia provocano dei gran dolori immaginate dei pezzi di metallo di quella dimensione...

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Grazie a tutti ma parlavo appunto di frammenti metallici rilevati dal metal detector...scusate se non sono stata chiara..mi serve un riferimento di legge,se c'è,per inserirlo nel manuale HACCP. Grazie ancora.

replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

alimenti, metal detector, corpo estraneo metallico, corpo estraneo, industria alimentare, alimentare, manuale haccp, contaminanti, prodotto, specifiche tecniche, legge, concentrazione, peso, valori

Discussioni correlate