Italia: Varato decreto sull'origine del latte in etichetta

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Italia: Varato decreto sull'origine del latte in etichetta

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Italia: Varato decreto sull'origine del latte in etichetta, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

L'Ue non ha sollevato obiezioni alla proposta di bozza presentata dall'Italia circa l'indicazione obbligatoria in etichetta dell'origine dei prodotti lattiero caseari

Sono trascorsi tre mesi, (scadenza avvenuta alle ore 24 del 13 ottobre) questo il termine di tempo stabilito dal regolamento 1169/2011 al Parlamento Europeo per rilevare obiezioni in seguito alla richiesta da parte di uno stato membro di voler adottare nuove misure in materia di informazioni sugli alimenti. Secondo il principio del "silenzio assenso" quindi il Ministero delle politiche agricole e forestali ha comunicato il "via libera" da parte di Bruxelles per l'indicazione in etichetta dei luoghi di lavorazione del latte a partire dal 1 gennaio 2017.  Tale norma rimarrà in vigore per due anni.  

Che prodotti riguarderà? 

Il decreto riguarderà i seguenti prodotti: 

-latte uht; 

-latte pastorizzato;

-latte microfiltrato;

-latte pastorizzato ad elevate temperature; 

ma anche i  derivati: yogurt, mozzarella, formaggi e latticini.

 Le diciture obbligatorie saranno:

-per quanto riguarda l'operazione di mungitura = "Nome della nazione nel quale è avvenuta la mungitura del latte"

-per quanto riguarda il condizionamento = "Nome della nazione in cui il prodotto è stato condizionato"

-per quanto riguarda le operazioni di trasformazione del latte = “Nome della nazione in cui è stato trasformato il latte"

In caso il latte abbia subito tutte e tre le suddette operazioni riportate sopra nel medesimo Paese sarà possibile riportare la dicitura  "Origine del latte: Nome del Paese"

Per i Paesi Ue:

Invece, nel caso in cui le operazioni sopra indicate siano avvenute in più paesi Ue per indicare il luogo in cui sia avvenuta ogni singola operazione possono essere utilizzate le seguenti diciture:

-per quanto riguarda l'operazione di mungitura = "miscela di latte di Paesi Ue";

-per quanto riguarda il condizionamento = "latte condizionato in Paesi Ue";

-per quanto riguarda le operazioni di trasformazione del latte = "latte trasformato in Paesi Ue" ;

Per i Paesi extra-Ue

Nel caso in cui le operazioni avvengano in Paesi al di fuori dell'Unione europea potranno essere utilizzate le seguenti diciture:

-per quanto riguarda l'operazione di mungitura = “miscela di latte di Paesi non Ue";

-per quanto riguarda l'operazione di condizionamento = "latte condizionato in Paesi non Ue";

-per quanto riguarda le operazioni di trasformazioni del latte = "latte trasformato in Paesi non Ue";

Sono esclusi da tale norma i prodotti protetti da Disciplinare Dop e Igp che già riportano l’origine del latte  come previsto dallo stesso disciplinare.

Il campo di applicazione del decreto: Si tratta di una norma nazionale, quindi regolamenterà soltanto la produzione lattiero casearia delle aziende italiane destinate al mercato interno (mercato italiano). Saranno esclusi quindi dall'applicazione della legge tutti i prodotti fabbricati in Italia e destinati all'esportazione e i prodotti provenienti dall'estero.Il consumatore quindi potrà reperire in commercio in Italia i prodotti lattiero-caseari senza l'indicazione di origine in etichetta. In questo caso però l'acquirente sarà a conoscenza che il prodotti in questione non sarà italiano, ma in etichetta non saranno riportare ulteriori indicazioni circa l'origine


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Italia: Varato decreto sull'origine del latte in etichetta
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

grazie per l'informazione. Non trovo, però, neanche qui il riferimento al decreto in questione. é possibile averlo?
buona giornata


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao a tutti,

allego di seguito la bozza del decreto inviata a Bruxelles da parte del Ministero delle politiche agrarie e forestali 

Allegato di seguito: 

Attendo commenti, opinioni....

Saluti


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ulteriori precisazioni: Per la lettura dell'allegato una volta loggati su Taff cliccare sulla casella" Allegati" (penultima icona a forma di "graffetta"): qui troverete il file in pdf.

Grazie per l'attenzione.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

leggerò con attenzione, ma se è una bozza, come si può dire (letto in molte "news") che sarà obbligatorio dal 1 gennaio 2017?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao, sembrerebbe (anche in base a quanto scritto nello schema legislativo in allegato) che l'entrata in vigore del decreto sarà a  partire da gennaio 2017 per la durata di  due anni in via "sperimentale".

Gli "addetti ai lavori" hanno già fatto presente, (secondo me come giusto che sia), che aluni mesi serviranno come "working in progress" e adattamento. Un esempio soltanto il packaging: si dovranno  "portare a termine" i cartoni con dicitura antecedente il decreto e intanto adattare i futuri incarti alle diciture. Ma questo è solo uno dei tanti esempi.

Sarebbe interessante confrontarsi, anche in base a quest ultimo e a molti altri aspetti circa le varie variabili da tenere presenti (di carattere tecnico, economico...)  durante l'aromizzazione e implementazione della normativa

Saluti


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao, vi comunico che ieri si è svolta la conferenza stato-regioni, che ha sancito l'intesa sullo schema di decreto interministeriale concernente l'indicazione dell'origine in etichetta della materia prima per il latte e i produttori lattiero-caseari, in attuazione del regolamento (ue) n. 1169/2011, relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori. 

Saluti


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

~~L’entrata in vigore del decreto interministeriale è prevista 90 giorni dopo la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale, che seguirà alla sua approvazione da parte della Conferenza Stato-Regioni. Poi ci sarà il vaglio delle competenti commissioni parlamentari. É stabilito un periodo transitorio per i prodotti “portati a stagionatura, immessi sul mercato o etichettati” prima dell’applicazione, i quali potranno venire commercializzati fino a esaurimento scorte e comunque non oltre i 180 giorni dalla vigenza del decreto.
( http://www.ilfattoalimentare.it/latte-origine-dongo.html )


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao, grazie ad alfclerici ho letto l'articolo, molto interessante, complimenti all'autore!

Sarebbe interessante discutere delle varie problematiche sull'argomento, qui mi ripeto...

Rimango in attesa...


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

latte, etichetta, condizionamento, alimenti, miscela, pastorizzato, base, consumatore, prodotti lattiero caseari, gazzetta ufficiale, yogurt, latte uht, legislativo, stagionatura, igp, mozzarella, lavoro, formaggio, materia prima, temperatura, cartone, packaging, dop, legge, prodotto

Discussioni correlate