Manuale HACCP per aziende che vendono imballaggi alimentari

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Manuale HACCP per aziende che vendono imballaggi alimentari

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Manuale HACCP per aziende che vendono imballaggi alimentari, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Buonasera,

potete per favore aiutarmi a capire se un'azienda che vende imballaggi e materiali destinati al contatto con alimenti (es. vassoi in polistirolo, vaschette di plastica, carta, ecc) deve disporre di un Manuale HACCP?

Per quanto attiene la rintracciabilià so che tali aziende devono seguire idonee procedure, ma per quanto riguarda il Manuale HACCP ho qualche dubbio.

Grazie anticipatamente,

Tiziana


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Manuale HACCP per aziende che vendono imballaggi alimentari
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

A mio parere un'analisi dei rischi ci dovrà essere.

Che sia un' Hazard Analysis and Critical Control Points (HACCP) o di altra tipologia, io predisporrei un Manuale con elencati i pericoli che si possono incontrare e come li tengo sotto controllo.

Anche per garantire al mio cliente la fonitura di un prodotto che non rappresenti una fonte di pericoli.

Ad esempio, come garantisco la gestione dei pericoli chimici? Sicuramente con prove di migrazione.

pi.esse


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Tiziana,

per rispondere correttamente al tuo quesito è necessario sapere se l'azienda distribuisce FCM (Food Contact Materials) senza modificarne in alcun modo l'imballaggio protettivo, oppure se altera le confezioni, per esempio per formare ordini più piccoli che comprendano più tipologie di prodotto.

Nel primo caso non vi è "manipolazione di prodotto", per cui sarà probabilmente sufficiente mettere in opera i soliti "Prerequisiti": controllo animali nocivi, strutture, pulizia, temperatura ambiente (per evitare rialzi che possano nuocere all'integrità del prodotto), tracciabilità, etc.

In caso vi sia apertura del confezionamento originale, vi é anche responsabilità dell'operatore per quanto riguarda l'idoneità del prodotto, per cui occorrerà mettere in pratica quanto richiesto dal Regolamento (CE) n°1935/2004 (art. 3) per quanto riguarda l'innocuità per la salute, l'inalterabilità dei prodotti alimentari che siano in contatto con il materiale e la correttezza delle informazioni fornite al consumatore. Cio' richiede la messa in pratica di GMP (Good Manufacturing Practice - Buone Pratiche di Fabbricazione) e di un Sistema di Qualità efficace e documentato, come definito dall'art. 5 del Regolamento (CE) n°2023/2006.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Io credo che la risposta sia tutta nel Reg. (CE) n°852/2004. Chi sono i destinatari di tale Regolamento?

Inoltre, se il packaging fosse soggetto alla Hazard Analysis and Critical Control Points (HACCP) ed all’attuazione dell’Autocontrollo, in quanto destinato al contatto con gli alimenti, teoricamente tutte le apparecchiature utilizzate per la manipolazione degli alimenti dovrebbero avere lo stesso obbligo.

Immaginate un'acciaieria, un’industria di forni e così via, che attuino la HACCP per come la conosciamo?

Come giustamente dichiara battibr, queste aziende rispondono a precise normative e Regolamenti sui materiali e, nel caso attuino una manualistica, sarà quella inerente la Certificazione di Qualità, come le ISO.


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

manuale haccp, prodotto, haccp, imballaggi alimentari, alimenti, imballaggi, qualita, controllo, animale, forno, prodotto alimentare, certificazione, consumatore, packaging, tracciabilita, autocontrollo, gmp, prove migrazione, confezionamento, sicuramente, analisi, carta, pulizie, confezione, temperatura ambiente

Discussioni correlate