Etichetta pomodori secchi: come considerare il sale marino

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Etichetta pomodori secchi: come considerare il sale marino --> M5927

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Etichetta pomodori secchi: come considerare il sale marino. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Etichetta pomodori secchi: come considerare il sale marino

Gentile alfclerici,

approfondendo l'argomento e leggendo il Reg. 1333/2008, la definizione di additivo dice:

"per «additivo alimentare» s’intende qualsiasi sostanza abitualmente non consumata come alimento in sé e non utilizzata come ingrediente caratteristico di alimenti, con o senza valore nutritivo, la cui aggiunta intenzionale ad alimenti per uno scopo tecnologico..."

inoltre nel "considerando" n.5 è detto:

"Gli additivi alimentari sono sostanze che abitualmente non sono consumate in quanto tali come alimenti, ma sono intenzionalmente aggiunte ad alimenti per uno scopo tecnico descritto nel presente regolamento, ad esempio per la loro conservazione. Il presente regolamento dovrebbe contemplare tutti gli additivi alimentari e, pertanto, l’elenco delle categorie funzionali dovrebbe essere aggiornato alla luce del progresso scientifico e dello sviluppo tecnologico. Tali sostanze non dovrebbero tuttavia essere considerate additivi alimentari quando sono utilizzate per dare un aroma o un sapore o per fini nutrizionali, come succedanei del sale, vitamine o minerali. Inoltre, le sostanze considerate alimenti che possono essere utilizzate per una funzione tecnica, come il cloruro di sodio o lo zafferano utilizzato come colorante, e gli enzimi alimentari non dovrebbero parimenti rientrare nell’ambito di applicazione del presente regolamento. Tuttavia, le preparazioni ottenute da alimenti e gli altri materiali di origine naturale, che sono impiegati affinché abbiano un effetto tecnologico nell’alimento finale e sono ottenuti mediante estrazione selettiva dei componenti (per esempio pigmenti) in relazione ai loro componenti nutritivi o aromatici, dovrebbero essere considerati additivi ai sensi del presente regolamento."

Alla fine io penso proprio che si possa osare:

Ingredianti: Pomoodori secchi

Conservanti: Sale marino iodato

Prodotto semilavorato non idoneo al consumo diretto

Dopotutto, è dall'inizio dei tempi che il sale viene usato come conservante! ;-)

Ci aggiorniamo, per ora grazie mille!

Antonio Romano



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

alimenti, additivi, alimentare, sale, aroma, conservanti, regolamento ce n 1333 2008, conservazione, cloruro sodio, prodotto semilavorato, ingrediente, estrazione, colorante, vitamina, nutrizionale, enzima

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.