Utilizzo del termine "spremuta" per frutti diversi da agrumi

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Utilizzo del termine "spremuta" per frutti diversi da agrumi

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Utilizzo del termine "spremuta" per frutti diversi da agrumi, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Ciao a tutti,

il termine "spremuta" è applicabile solamente al succo ottenuto da agrumi, oppure come denominazione di vendita è utilizzabile anche per altri succhi ottenuti dalla spremitura diretta della frutta?! Fermo restando che la denominazione legale è "succo di frutta" ...

Grazie

pi.esse


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Utilizzo del termine "spremuta" per frutti diversi da agrumi
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ciao pi.esse,

il termine spremuta appartiene alle cosiddette denominazioni di fantasia/commerciali/di marketing, che non possono sostituire le denominazioni legali.

Non è normato.

Come giustamente osservi, la denominazione legale, che non può essere omessa, è succo di ...., per tutti i tipi di frutta.

A mio avviso, potrebbe essere contestato dalla concorrenza perché atto a guastare/sminuire/confondere la valenza della denominazione legale.

Cordialmente,

trentino


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

A conferma della nota di trentino, il termine “spremuta” compare, a quanto mi risulta, una sola volta nella normativa che ci riguarda: “È vietato l'uso della denominazione "spremuta" o di altre che a questa facciano riferimento per le bibite analcooliche disciplinate dal presente regolamento.” (art. 3, DPR 719/58).

Il testo citato si riferisce alle acque gassate ed alle bibite analcoliche, quindi non coinvolge i “succhi di frutta”.

Per cui, fermo restando che, come tu osservi, le denominazioni di vendita sono quelle definite dalla normativa specifica, si potrebbe concludere che non esistono impedimenti (salvo quello dovuto al puro buon senso, dato che mi parrebbe quantomeno curioso parlare di “spremuta” di mele o ciliege) ad utilizzare il termine in questione per frutti diversi dagli agrumi.

Per curiosità, di quali frutti stiamo parlando?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Velocissimi come il vento ed esaurienti come sempre!

La domanda mi è sorta leggendo un opuscolo sull'etichettatura dei prodotti alimentari in cui si facevano degli esempi di determinati prodotti, tra cui i succhi ed i nettari di frutta. In questo intervento si definiva il termine "Spremuta" come esclusiva denominazione del succo di agrumi, zuccherati o non.

Da lì sono andata a riprendermi la normativa relativa ai succhi di frutta (DL. 151/2004) e la normativa dell'etichettatura "presente" e "futura" (DL 109/92 e Reg. 1169/2011) per spulciare questo riferimento, che come mi confermate non esiste!!

Non riporto la fonte di tale citazione, ma per dovere di cronaca è stata redatta con il contributo di una Provincia e di un Assessorato...

Grazie di nuovo!

pi.esse


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Diffidare sempre dalle affermazioni prive di riscontro.

Quanto poi agli opuscoli (specie di quelli provenienti da simili fonti) diffidare ancora di più: anch'io ne ho viste cose che voi umani...


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

frutta, succo frutta, bevande, acqua, ciliegia, mela, analcolico, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, prodotto alimentare

Discussioni correlate