Etichettatura piatti monoporzione da riscaldare e servire

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Etichettatura piatti monoporzione da riscaldare e servire --> M4892

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Etichettatura piatti monoporzione da riscaldare e servire. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Etichettatura piatti monoporzione da riscaldare e servire

Ripeto quanto ho già scritto:

- Somministrazione in locali diversi da quelli di preparazione

In questo caso ritengo che il rispetto dei requisiti igienici imponga l'utilizzo di imballaggi rispondenti alle caratteristiche imposte ai prodotti preconfezionati ( unità di vendita destinata ad essere presentata come tale al consumatore ed alle collettività, costituita da un prodotto alimentare e dall'imballaggio in cui è stato immesso prima di essere posto in vendita, avvolta interamente o in parte da tale imballaggio ma comunque in modo che il contenuto non possa essere modificato senza che la confezione sia aperta o alterata). Conseguentemente le indicazioni in etichetta non possono che essere quelle previste per tali prodotti

Quindi:

Denominazione di vendita

Elenco degli ingredienti

Peso netto

Quantità di eventuali ingredienti evidenziati (es. risotto ai funghi: quanti funghi?)

TMC/data di scadenza: da valutare, ovviamente, caso per caso

Nome/ragione sociale dell'OSA

Quanto al numero di lotto, posso ipotizzare che ne venga assegnato uno per ogni giornata di produzione (domanda: i piatti vengono tutti consumati nella stessa giornata di produzione? E, in caso contrario, quelli che restano che fine fanno? Ovviamente di ciò si deve tenere conto nella definizione del TMC/lotto oltre a documentare le regole di gestione degli eventuali avanzi nel manuale HACCP)

Inoltre, l'OSA deve organizzarsi per la rintracciabilità ascendente, vale a dire identificare l'origine degli ingredienti utilizzati per preparare i piatti: se un cliente va all'ospedale a causa dei funghi del suo risotto, l'OSA deve sapere chi glieli ha forniti.

Tutto troppo complicato? Può darsi: in ogni caso questo è ciò che consiglierei al ristoratore, il quale è, naturalmente, libero di effettuare eventuali semplificazioni, a condizione che se ne assuma la responsabilità.

Sarebbe interessante, comunque, sapere che ne pensa il nostro OSA.

Ciao

alf



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

operatore settore alimentare, imballaggi, funghi, ingrediente, requisiti, prodotto alimentare, quantita, tmc, preconfezionato, elenco ingredienti, tmc data scadenza, igienico, confezione, manuale haccp, consumatore, peso netto, etichetta, rintracciabilita

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.