Preimballaggi globali e individuali: quali indicazioni?

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Preimballaggi globali e individuali: quali indicazioni?

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Preimballaggi globali e individuali: quali indicazioni?, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Ciao a tutti,

sottopongo due quesiti:

1)

Casi di cui al RegCE 1169/2011, Allegato IX:

3. Quando un preimballaggio è costituito da due o più preimballaggi individuali contenenti la stessa quantità dello stesso prodotto, l’indicazione della quantità netta è data indicando la quantità netta contenuta in ciascun imballaggio individuale e il loro numero totale. Tali indicazioni non sono tuttavia obbligatorie quando il numero totale degli imballaggi individuali può essere chiaramente visto e facilmente contato dall’esterno e quando almeno un’indicazione della quantità netta contenuta in ciascun imballaggio individuale può essere chiaramente vista dall’esterno.

Applicazione: 125 g x 6 pezzi

4. Quando un preimballaggio è costituito da due o più imballaggi individuali che non sono considerati come unità di vendita, l’indicazione della quantità netta è fornita indicando la quantità netta totale e il numero totale degli imballaggi individuali.

Applicazione: 750 g  6 pezzi

Secondo me l’espressione  4. è equivoca: 6 pezzi da 750 g?, oppure 6 pezzi per un totale di 750 g?

Io propongo sempre , in ambedue i casi 3 e 4, l’espressione: 750 g (125 g x 6 pezzi)

Gradito il vostro parere!

2)

Il citato caso 3 è secondo me riferito a preimballaggi globali non destinati al consumatore finale; questi sarà invece destinatario di quelli individuali; questi ultimi devono quindi riportare tutte le indicazioni obbligatorie.

Per  il caso 4 non ho trovato nè nel D.Lgs. 109/1992 , nè nel RegCE 1169/2011, istruzioni su quali indicazioni (obbligatoriamente riportate sul preimballaggio globale (unità di vendita), qualora non  visibili attraverso di esso), devono essere ripetute sui singoli imballaggi individuali.

A buon senso (in quanto, una volta a casa, spesso viene ben presto eliminato l’involucro globale), almeno:

- denominazione di vendita

- tmc

- ingredienti o perlomeno allergeni

- dichiarazione nutrizionale (se già riportata esternamente)

- eventuale % vol.

Oppure sarà sufficiente riportare sui preimballaggi individuali la scritta: le indicazioni di legge sono riportate sull'involucro globale ?

Cosa ne pensate?

Grazie e buon lavoro.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Preimballaggi globali e individuali: quali indicazioni?
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

 Quesito 1

Io direi, proprio per essere iper-chiaro: 750 g (6 pezzi da 125 g cadauno)

Quesito 2

Il caso 3 si riferisce ai cosiddetti multipack, che sono a tutti gli effetti unità di vendita (vedi esempio cipster mpk).

Concordo sul fatto che le monodosi, anche quando non sono unità di vendita, debbano riportare qualche indicazione (è vero, infatti, che normalmente l'involucro esterno non viene conservato). Come minimo direi: TMC, Ingredienti/allergeni, NUMERO DI LOTTO!

Aggiungerei, memore di esperienze dirette, una dicitura tipo “confezione non vendibile singolarmente”.

Dal punto di vista dell'informazione al consumatore, diciture tipo le indicazioni di legge sono riportate sull'involucro globale, non sono di alcuna utilità, nel momento in cui l'involucro globale non è più disponibile.

Saluti

alf


 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Cosa ne pensate della seguente dicitura sull'involucro globale?

Le informazioni di legge per il consumatore sono riportate solamente su questo involucro, che deve essere conservato fino ad avvenuto consumo dell'ultima confezione interna.

Grazie delle vostre opinioni.

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ottima idea.

ciao


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

preimballaggio, imballaggi, quantita netta, consumatore, legge, tmc, confezione, ingrediente, prodotto, quantita, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, lavoro, nutrizionale

Discussioni correlate