Applicabilita' e diffusione delle alte pressioni idrostatiche

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Ingegneria Alimentare --> Applicabilita' e diffusione delle alte pressioni idrostatiche

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Applicabilita' e diffusione delle alte pressioni idrostatiche, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Buonasera,

visto che ultimamente si fa un gran parlare della tecnologia delle ALTE PRESSIONI IDROSTATICHE, propongo una discussione sulla effettiva applicazione e diffusione di questa tecnologia all'avanguardia.

L'idea che mi posso esser fatto, pur non avendo mai avuto possibilità di impiegarle, è quella di una tecnica avvenieristica, che nel giro di massimo un decennio, potrà venire ampiamente utilizzata.

Il forte dubbio che mi nasce è, anche se si riuscirà a contenere gli spazi delle attrezzature da accompagnare in linea (soprattutto impianti di pompaggio), riuscirà a diventare un processo alla portata della piccola-media impresa italiana?

Grazie,

Ulisse

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Applicabilita' e diffusione delle alte pressioni idrostatiche
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

toh! bella discussione datata 2011. sapete perché bella? perché l'utente ulisse giustamente sosteneva che nel giro di un decennio potesse essere una tecnologia ampiamente utlizzata (parole sue). 

ecco dopo 8 anni, partecipando ad una giornata di studio tenuta dalla stazione sperimentale delle conserve, a Parma, ho pensato esattamente la stessa cosa di ulisse, però guardando al passato: visti i risultati eccellenti su così diverse matrici, confezionate e non, perché nell'ultimo decennio non è diventata una tecnologia diffusa?

sicuramente la spesa da sostenere per l'acquisto degli impianti è un aspetto limitante (non a caso alcuni esempi sono su astici/aragoste/ostriche, prodotti costosi con ampi margini).

Quello che però nemmeno a Parma hanno saputo chiarirmi è che non può essere solo una questione di costi, dai... chi può illuminarci?

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Una tecnica molto interessante, ma con dei problemi pratici per ore irrisolvibili in alcuni settori: una torta millefoglie o un biscotto farcito alla crema sono impresentabili al consumatore per le loro proprietà reologiche. C'è molto altro ma sono solo esempi non esaaustivi, anche provocatori.

Quanto a prodotti senza tali problematica il problema dei costi può incidere sulla decisione di adozione, anche se economie di scala e vantaggi di qualità organolettica mantenuta e minimo impatto sulle caratteristiche nutrizionali sono vantaggi non trascurabili.

Sempre tecnica e poca scienza.


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

alta pressione, impianto, sicuramente, confezionamento, aragosta, ostriche, conserve, processo, consumatore, nutrizionale, qualita, crema, reologico, biscotti

Discussioni correlate