Pest control all'interno di industrie alimentari

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Pest control all'interno di industrie alimentari

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Pest control all'interno di industrie alimentari, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Buongiorno,

esiste qualche normativa (obbligatoria o volontaria) che imponga l'utilizzo di trappole per roditori prive di veleno (e quindi a cattura) nelle industrie alimentari?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Pest control all'interno di industrie alimentari
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ciao,

se non ricordo male c'è un punto della norma volontaria BRC che impone l'uso di trappole a cattura dentro lo stabilimento produttivo. Fuori si può usarle entrambe. A rigor di logica questa soluzione è comunque la migliore.

Ciao,

Omar

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Grazie.

Sicuramente è la migliore, ma volevo capire se i controlli ufficiali possono contestare l'utilizzo di trappole con veleno.

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Non mi risulta ci sia una normativa cogente che vieti l'utilizzo di esche velenose all'interno dei reparti produttivi delle aziende alimentari, le ultime ordinanze del ministero riguardano il divieto di abbandonare bocconi avvelenati o esche all'esterno. Nemmeno la norma volontaria IFS prevede in modo specifico questo divieto ma se non ricordo male anche secondo me lo prevede la BRC. Quindi in un controllo ufficiale non può venirti contestato questo. Sono cmq anche io d'accordissimo con Omar che all'interno è meglio utilizzare trappole con esca alimentare (virtuale) o collanti, questo per prevenire il rischio chimico ed anche per poter attuare un monitoraggio che altrimenti con esca velenosa non potresti fare! Ricordo che all'interno dei reparti produttivi la logica deve essere di monitoraggio degli infestanti e non di lotta (vedi discussione precedente sul tema) che deve essere invece effettuata all'esterno (es. magazzini e zone scoperte). Ciao!

Alfredo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Un tempo il monitoraggio dei roditori veniva esclusivamente o quasi effettuato con esche rodenticide, col passare del tempo tale tipologia di lotta è stata sostituita quasi totalmente dall'utilizzo di trappole meccaniche e superfici collanti.

Anche i Regolamenti comunitari (852/04 e 183/05) e gli standard BRC,IFS, ISO 9000 e 22000) hanno ancor più ristretto l'utilizzo di composti chimici e assolutamente vietato come logico ai locali di produzione, lavorazione e stoccaggio limitando l'utilizzo di rodenticidi solo all'esterno e in appositi erogatori e contenitori (come lotta preventiva).

A presto!


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Ciao, e' capitato che il controllo ufficiale abbia contestato le esche velenose collocate all'interno del laboratorio di produzione! La contastazione trova fondatezza semplicemente in virtu' del fatto che all'interno, nell'ambiente produttivo o di immagazzinamento non e' ammesso che l'infestante muoia in chissa' quale zona dopo aver consumato l'esca velenosa. Pertanto, per buone prassi igieniche (oltre al rischio chimico) sono opportune le trappole collanti multicattura dotate di finestrella che consentono di individuare durante il controllo visivo degli operatori l'accidentale intrusione dei ratti ed adottare le azioni correttive del caso.

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Trovo perfetta la spiegazione di giupeppa69.

Complimenti!

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ragazzi ho letto la vostra discussione:

 in primo luogo ricordiamoci che la presenza di infestanti negli ambienti alimentari può essere risolta solo in piccola parte , con una difesa antiparassitaria chimica.

Il  Monitoraggio deve essere la parola chiave rinvenendo i punti critici, vie di accesso per roditori ad esempio, la gestione migliore possibile, per non dire ottimale degli ambienti esterni che circondano i fabbricati della nostra industria alimentare.

Insomma tutte quelli che potrebbero essere i potenziali "attrattivi" nonché vettori per i nostri roditori.

C'è da dire che spesso, in particolare per i roditori il "monitoraggio" coincide con il "controllo" usando:

-esche virtuali ad esempio con caratteristiche uguali in tutto e per tutto alle esche con tossicità che non contengono il principio attivo (evitando così la morte dell'individuo che potrebbe essere un problema grave di contaminazione, trasmissione di malattie...)

-esche in erogatori

Detto questo vi rimando a questo link: http://www.checkfruit.it/amm/image/8637_all_capizzi_seminario%20checkfruit%20roditori.pdf

Vi prego di farmi sapere al più presto i vostri commenti qui sotto, in base a quanto emerge tireremo poi le "fila del discorso".

Notte!


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

alimentare, pest control, monitoraggio, brc, controllo ufficiale, ifs, controllo, azione correttiva, immagazzinamento, sicuramente, contaminazione, magazzino, base, industria alimentare, stoccaggio, azienda settore agroalimentare, igienico, regolamento ce n 852 2004, laboratorio, tossicita, monitoraggio infestanti

Discussioni correlate