Metal detector per IFS-BRC

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Metal detector per IFS-BRC

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Metal detector per IFS-BRC, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Salve a tutti,

mi presento: sono responsabile qualità di un piccolo salumificio. In azienda, stiamo intraprendendo la strada per la certificazione ISO  9000 e IFS/BRC. Un quesito: non ho ancora capito quali sono le caratteristiche indispensabili del metal detector, dato che molti sono i modelli, così come i prezzi.....Il nostro consulente insiste a consigliarci una macchina che si aggira intorno ai 5000 €, minimo......

La nostra azienda produce  anche prosciutto toscano D.O.P. , che avendo il sigillo in alluminio, non può essere passato al metal detector, così come altri salumi con clips. Allora mi domando: che senso ha acquistare un metal di alto prezzo e non uno tipo "hobby", pur di buona qualità, che può assurgere allo stesso scopo..dato le limitazioni nella sua applicazione...?

Grazie per l'attenzione. Ciao a tutti


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Metal detector per IFS-BRC
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

 

Ciao Camelia e benvenuta!  ^__^
 
Premetto che non sono un esperto in tema di metal detector; tuttavia, per quanto ho avuto modo di constatare, direi che 5000 Euro è proprio il minimo..
 
I parametri da prendere in considerazione per la scelta di questo strumento sono molteplici: dimensioni del varco entro cui dovrà passare il prodotto, numero e posizione delle spire, materiali costruttivi, etc.
 
Tieni presente, inoltre, che i prodotti carnei sono di per sé piuttosto difficili da sottoporre a rilevazione dei metalli: vuoi per l'umidità, che interferisce negativamente con la sensibilità dello strumento, ma soprattutto per la massa (in realtà sarebbe più corretto dire la sezione che deve essere sottoposta a rilevazione), che agisce da "barriera".
 
Con una certa approssimazione, potremmo affermare che all'aumentare della massa da sottoporre a rilevazione, aumenti anche la sensibilità necessaria allo strumento per determinare l'eventuale presenza di metallo.
 
Tuttavia, all'aumentare della sensibilità possono aumentare anche i cosiddetti falsi positivi, che comportano riduzioni (anche sensibili) in termini di prestazioni della linea.
 
In altre parole: tanto più la massa da sottoporre a rilevazione è elevata, tanto maggiore sarà la sensibilità necessaria per determinare parti metalliche al suo interno; ma tanto maggiore sarà la sensibilità, tanto più sarà probabile che la macchina rilevi il metallo anche laddove non è presente.
 
Generalmente la differenza sostanziale tra i metal detector di diversa fascia è proprio questa... Quelli più sofisticati dovrebbero garantire una migliore determinazione dei contaminanti metallici all'interno del prodotto.
 
Alla luce di quanto esposto, ritengo occorra valutare attentamente prima di fare acquisti incauti.
 
L'ideale sarebbe effettuare test prima dell'acquisto, meglio se direttamente sui propri prodotti contaminati intenzionalmente con metalli di varia natura (ferrosinon ferrosi). Le ditte più serie generalmente, oltre ad elaborare offerte personalizzate, consentono di fare prove per capire quale tipologia di macchina meglio si adatti alla specifiche esigenze produttive.
 
Comunque, piuttosto che adottare uno strumento inaffidabile, vedo molto più sensato studiare scrupolosamente il processo produttivo; gli impianti; i flussi, ivi compresi quelli del personale (operatori di linea, manutentori, squadre addette alle pulizie, etc); e tutto ciò che possa consentirti di arrivare all'elaborazione ed applicazione di rigorose Procedure Pre-Operative ed Operative che ti consentano di tenere sotto controllo il pericolo contaminazione da metalli senza ricorrere ad un metal detector.
 
Ovviamente quest'ultima strada non è semplice, ma nemmeno impossibile, da percorrere.
 
A presto!
Giulio

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Grazie mille Giulio per la risposta esauriente e celere,

resto comunque dell'avviso, che  possa utilizzare uno strumento "tarabile" e pertanto affidabile, anche di prezzo decisamente inferiore a quelli di cui stiamo discutendo, se la misurazione della sensibilità dello strumento mi consente l'analisi del rischio contaminazione fisica.....oltre a prove empiriche sul campo, con i miei salumi di varia aw e dimensione.

A presto.

Saluti,

Camelia


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao Camelia,

concordo con Giulio 5000 euro per un metal non sono molti! comunque ovviamente dipende dalle caratteristiche e dalle performance. La norma IFS ver.5 non prevede vincoli particolari ma basa tutto sull'analisi dei rischi (punto 4.9.4) cioè non obbliga ad avere un metal in linea, certo che se l'azienda decide di non dotarsene deve dimostrare in modo ineccepibile le proprie motivazioni. La mia opinione è comunque di affidarsi al consulente e alla ditta/e per preventivi e pareri, e poi decidere, rimango cmq dell'idea che se devo spendere qualche migliaio di euro prenderei una macchina discreta che mi dia la possibilità di essere un domani implementata con controlli e funzioni supplementari (vedi richieste particolari degli standard inglesi). Anche la questione del box o del fermo linea dipende dal tipo di prodotto (punto 4.9.6). Rimango a disposizione per ulteriori informazioni o chiarimenti.

 

ciao

 

Alfredo


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao Camelia, personalmente credo che se spendi 5.000 € per comperare un MD acquisti praticamente un rottame. Metti a budget una spesa sopra gli 8.000 € e possibilmente una macchina Italiana. Se vuoi qualche consiglio posso dartelo. Poi dipende cosa devi controllare, il produtto sfuso, la vaschetta in ATM, un rango!!!

In bocca al lupo!


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Camelia, direi che Giulio, Gris.a e Ocram63 hanno ragione.

La mia esperienza mi porterebbe a dire che un investimento corretto potrebbe essere da 8.000 a 10.000 euro.

Stiamo parlando di Qualità (ho scoperto oggi questo sito e ne sono già innamorato) e l'idea di spendere 5.000 euro per un metal (che dovrebbe garantire gli alimenti che mangiano tra gli altri, i miei figli...) mi fa venire i brividi. So di amici che hanno fatto acquisti da prezzo e dopo pochi mesi si sono visti bocciare le certificazioni per scarse prestazioni di questi strumenti. Così si buttano via i soldi e si corrono rischi inutili!

Ciao ciao


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao Camelia Source ha ragione e di conseguanza anche gli altri, l'importante e che se decidi di comprarlo, prima ti fai mettere per iscritto le sensibilità che ti garantiscono, IN PRODUZIONE, con i tester certificati FERROSO, NON-FERROSO, INOX AISI 316.

Poi se qualcuno dei fornitori si espone fammi sapere che ti posso dare qualche indicazione

Ciao


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

metal detector, metal detector ifs brc, prodotto, qualita, certificazione, controllo, consulente, salumi, ifs, aw, contaminazione fisica, salumificio, alimenti, dichiarazione inizio attivita, analisi rischi, contaminato, impianto, brc, parametri, umidita, alluminio, fornitore, prodotto carneo, atm, contaminazione, certificato, determinazione, processo produttivo, analisi, contaminanti, pulizie

Discussioni correlate