Redigere piani HACCP con la Laurea Triennale

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Professione Tecnologo --> Redigere piani HACCP con la Laurea Triennale

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Redigere piani HACCP con la Laurea Triennale, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

buongiorno, volevo chiede alcune informazioni circa la redazione dei piani haccp come libero professionista. Sono neo laureata nel corso triennale di Tecnologie alimentari per la Ristorazione e attualmente lavoro presso una azienda di ristorazione, mi piacerebbe intraprendere anche la via della consulente come libera professionista per la redazione di piani haccp, è possibile con il mio titolo di studi? ho letto che non è per forza necessaria una partita iva.

Inizio con ringraziavi molto.

Buona giornata


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Redigere piani HACCP con la Laurea Triennale
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

buongiorno, volevo chiede alcune informazioni circa la redazione dei piani haccp come libero professionista. Sono neo laureata nel corso triennale di Tecnologie alimentari per la Ristorazione e attualmente lavoro presso una azienda di ristorazione, mi piacerebbe intraprendere anche la via della consulente come libera professionista per la redazione di piani haccp, è possibile con il mio titolo di studi? ho letto che non è per forza necessaria una partita iva.

Inizio con ringraziavi molto.

Buona giornata

Dunque, la laurea di 5 anni ti permette di iscriverti all'albo, cosa che per la triennale non è prevista. Però per fare la consulente e per stilare HACCP non devi essere iscritta all'albo, quindi puoi farlo tranquillamente. Per quanto riguarda la partita IVA è vero, non serve necessariamente. Puoi utilizzare il "lavoro occasionale autonomo", mediante il quale puoi lavorare in maniera "occasionale" senza il limite dei 5000 euro all'anno. Comunque se rientri nei 5000 non sei neanche obbligata a fare la gestione separata.
In sostanza lavori "in ritenuta d'acconto" ossia il committente paga al posto tuo il 20% di tasse sulla somma della tua prestazione.

replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

laurea, lavoro, redigere piano haccp, haccp, professionista, consulente, albo professionale, limite, tecnologie alimentari

Discussioni correlate