Tecnologo Alimentare e Certificazione Prodotti Senza Glutine

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Professione Tecnologo --> Tecnologo Alimentare e Certificazione Prodotti Senza Glutine

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Tecnologo Alimentare e Certificazione Prodotti Senza Glutine, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Buonasera a tutti,

avrei bisogno di capire se il Tecnologo Alimentare (e pertanto regolarmente iscritto all'Albo Professionale) necessita di una abilitazione particolare per certificare l'idoneità di reparto e di prodotto per la produzione di prodotti dietetici senza lattosio e senza glutine.

Mi spiego meglio: per effettuare le procedure di notifica di prodotti dietetici al Ministero della Salute e di apertura di Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA) all'ASL competente e per validare il processo di produzione, in quanto Tecnologo Alimentare consulente esterno, devo avere una abilitazione particolare?

Vi ringrazio.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Tecnologo Alimentare e Certificazione Prodotti Senza Glutine
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

DECRETO LEGISLATIVO 27 gennaio 1992, n. 111

Attuazione della direttiva n. 89/398/CEE concernente i prodotti alimentari destinati ad una alimentazione particolare. Art. 1. Campo di applicazione 1. I prodotti alimentari destinati ad una alimentazione particolare sono prodotti alimentari che, per la loro particolare composizione o per il particolare processo di fabbricazione, presentano le seguenti caratteristiche: a) si distinguono nettamente dagli alimenti di consumo corrente; b) sono adatti all'obiettivo nutrizionale indicato; c) vengono commercializzati in modo da indicare che sono conformi a tale obiettivo. 2. I prodotti alimentari di cui al comma 1 devono rispondere alle esigenze nutrizionali particolari delle seguenti categorie di persone: a) le persone il cui processo di assimilazione o il cui metabolismo e' perturbato; b) le persone che si trovano in condizioni fisiologiche particolari per cui possono trarre benefici particolari dall'assunzione controllata di talune sostanze negli alimenti; c) i lattanti o i bambini nella prima infanzia, in buona sa- lute. 3. I soli prodotti alimentari di cui al comma 2, lettere a) e b) possono essere caratterizzati dall'indicazione "dietetico" o "di re- gime". Art. 10. Produzione e confezionamento 5. Gli stabilimenti di produzione e di confezionamento dei prodotti di cui all'art. 1 di nuova attivazione autorizzati ai sensi del presente decreto, devono avvalersi di un laureato in biologia, in chimica in chimica e tecnologia farmaceutica, in farmacia, in medicina o in scienza e tecnologia alimentari quale responsabile del controllo di qualita' di tutte le fasi del processo produttivo.

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Grazie Trentino,

come sempre le tue risposte sono precise e puntuali.

Qunidi per validare il processo di produzione ed affettuare le dichiarazioni alle varie autorità ministeriali,

non è necessaio avere delle abilitazioni particolari come auditor di un sistema. Anche tu la vedi così?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao Sara,

D.Lgs. 111/1992 Art. 10. Produzione e confezionamento

1. Ai sensi dell'articolo 2 del decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 193, gli stabilimenti di produzione e confezionamento dei prodotti di cui all'articolo 1 sono riconosciuti dalle regioni, dalle province autonome di Trento e di Bolzano e dalle aziende sanitarie locali. 2. Il riconoscimento di cui al comma 1 avviene previa verifica in loco: a) del rispetto dei pertinenti requisiti di cui al regolamento (CE) n. 852 /2004 e al regolamento (CE) n. 853/ 2004 e degli altri specifici requisiti previsti dalla legislazione alimentare vigente; b) della disponibilita' di un laboratorio accreditato per il controllo dei prodotti. A mio modesto parere, per le pratiche tecniche ed amministrative finalizzate ad ottenere il riconoscimento di cui ai punti 1 e 2 dell’art.10, benché auspicabile ed opportuna, non è indispensabile la partecipazione della figura di cui al successivo punto 5. Fatta salva specifica richiesta da parte delle Autorità sanitarie coinvolte.


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

prodotto alimentare, processo, confezionamento, alimenti, alimentazione, nutrizionale, legislativo, composizione, laurea, tecnologo alimentare, conforme, processo produttivo, alimentare, requisiti, validazione, responsabile controllo qualita, prodotto, verifica, laboratorio, ausl, regolamento ce n 853 2004, lattosio, consulente, controllo, albo professionale, decreto legislativo 6 novembre 2007 n 193, legislazione alimentare, senza glutine, regolamento ce n 852 2004

Discussioni correlate