Ring Test (conta su piastra): conteggiare aloni colonie?

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Microbiologia Alimentare --> Ring Test (conta su piastra): conteggiare aloni colonie? --> M6843

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Ring Test (conta su piastra): conteggiare aloni colonie?. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Ring Test (conta su piastra): conteggiare aloni colonie?

Lasciare il coperchio leggermente scostato serve ad eliminare l'umidità in eccesso e limitare il percorso di possibili colonie striscianti. Ricordiamo che il terreno deve essere ben asciutto prima di porvi l'inoculo.

Non bisogna separare il liofilizzato per un semplice calcolo probabilistico: se io divido a metà esattamente 5,00000000 grammi non è detto che la carica batterica sia distribuita esattamente al 50%. Il tuo capo ritiene che la microbiologia sia come una quadriglia: con gli uomini schierati da una parte e le donne dall'altra... Questi test costano, ma vanno comunque affrontati correttamente.

Relativamente alla possibilità di riutilizzare l'omogenato: bella domanda; un consiglio è di tenere l'omogenato a temperatura prossima allo zero (senza però arrivare a congelare!) e ripetere, non oltre le 12 ore, per una verifica in doppio con stesso operatore o operatore diverso.

Chiaramente trattasi di pratiche non lecite, ma che comunque possono darci o non darci (sconforto) risultati sovrapponibili.

I liofilizzati, per quanto ricordi, vanno tenuti a temperatura ambiente (parliamo di 20-24°C). Un laboratorio termostatato che lavori in condizioni ottimali, ovverosia con temperature sotto i 18°C sono poco sopportabili per il personale a meno che le procedure non lo richiedano (es. stabilimenti di lavorazione delle carni: +12°C).

Cosa importante è che tra l'omogenato ed il terreno di inoculo non vi sia una grande differenza di temperatura altrimenti lo shock termico potrebbe uccidere alcuni batteri e se l'inoculo ha un'alta diluizione ci giochiamo il dato.

Michele



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

temperatura, microbiologia, verifica, lavoro, temperatura ambiente, carne, microrganismi, microbico, laboratorio, umidita

Discussioni correlate (versione beta)








IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.