Salumi con denominazioni geografiche

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Salumi con denominazioni geografiche

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Salumi con denominazioni geografiche, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Pagine: 1 2

Oggetto:

 Partendo dal riferimento di trentino, ho tentato di risalire la corrente.

Partiamo dal DECRETO 8 settembre 1999, n.350 Regolamento recante norme per l'individuazione dei prodotti tradizionali di cui all'articolo 8, comma 1, del decreto legislativo 30 aprile 1998, n. 173:

Art. 1

1. Ai fini del presente decreto sono considerati prodotti agroalimentari tradizionali quelli le cui metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura risultano consolidate nel tempo.

2. Per l'individuazione dei prodotti agroalimentari tradizionali le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano accertano che le suddette metodiche sono praticate sul proprio territorio in maniera omogenea e secondo regole tradizionali e protratte nel tempo, comunque per un periodo non inferiore ai venticinque anni.

Art. 2

1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, entro sei mesi dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale, predispongono gli elenchi regionali o provinciali dei propri prodotti agroalimentari tradizionali.

2. Negli elenchi di cui al comma 1 devono essere indicate, per ogni prodotto, le seguenti informazioni:

a) nome del prodotto;

b) caratteristiche del prodotto e metodiche di lavorazione, conservazione e stagionatura consolidate nel tempo in base agli usi locali, uniformi e costanti, anche raccolti presso le camere di commercio, industria, artigianato e agricoltura competenti per territorio;

c) materiali e attrezzature specifiche utilizzati per la preparazione, il condizionamento o l'imballaggio dei prodotti;

d) descrizione dei locali di lavorazione, conservazione e stagionatura.

Passiamo al D.M. 18 luglio 2000 Elenco nazionale dei prodotti agroalimentari tradizionali:

3. L'inserimento di un prodotto nel predetto elenco non è costitutivo di diritti conseguenti alla pubblicazione e l'eventuale riferimento al nome geografico non costituisce riconoscimento di origine o provenienza del prodotto dal territorio al quale è riconducibile il predetto nome geografico.

5. Il nome di ciascun prodotto, il suo eventuale sinonimo o termine dialettale non può costituire oggetto di deposito e di richiesta di registrazione, ai sensi della vigente normativa comunitaria e nazionale sulla proprietà intellettuale e industriale, a decorrere dalla data di pubblicazione del presente decreto nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.

Stando a ciò che leggo, le condizioni richieste per l'utilizzo di una determinata denominazione NON includono alcun obbligo legato al luogo ove il prodotto venga fabbricato.


 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Salumi con denominazioni geografiche
provaprovaprovaprovaprova

Pagine: 1 2



Parole chiave (versione beta)

prodotto, salumi, denominazione geografica, dop, salame, consumatore, igp, etichetta, salame milano, conservazione, stagionatura, prodotto italiano, prodotto alimentare, legislativo, gazzetta ufficiale, aceto, legame, qualita, condizionamento, livello, imballaggi, base, registrazione, confezionamento, parametri, salsiccia, coppa, lavoro, verifica, biscotti, esame, limite

Discussioni correlate