Etichettatura Nutrizionale degli Alimenti

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Etichettatura Nutrizionale degli Alimenti --> M2361

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Etichettatura Nutrizionale degli Alimenti. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Etichettatura Nutrizionale degli Alimenti

Ciao edward e benvenuto! ^__^

Come prima cosa ti ringrazio per la risposta.

In effetti la mia domanda era volutamente un pò provocatoria; volta a sottolineare come la Scienza sia una disciplina in continuo diveniere e priva di dogmi, contrariamente alla Legge.

Analizzando il caso specifico, come accennavo nel mio precendente intervento ci sarebbero alcune considerazioni da fare.. In primo luogo penso occorra stabilire la definizione di caloria e conseguentemente i differenti valori ad essa assegnati.

La citata pubblicazione, redatta dalla FAO e denominata The adoption of joules as units of energy, invita all'utilizzo del fattore di conversione 1 caloria = 4,184 J (ossia la Caloria Termochimica, definita per la prima volta dallo scienziato F.D. Rossini): To convert calories into joules the conversion factor 4.1840 J = 1 calorie is recommended, which also identifies the calorie used by nutritionists with the thermochemical calorie.

Questo fattore di conversione coincide con quanto previsto dall'International Standard Organization [ISO 31-4: Quantities and units – Part 4: Heat. Annex B (informative): Other units given for information, especially regarding the conversion factor. International Organization for Standardization, 1992].

Il fattore da te segnalato, ossia 1 caloria = 4,1868 J, corrisponde a quello derivante dalla cosiddetta Caloria della Tabella Internazionale del Vapore, che prende il nome dall'omonima conferenza tenutasi nel 1929: l'International Steam Table Conference.

In secondo luogo, è consuetudine arrotondare al valore più prossimo all'originale (ie. 12,51 => 13; mentre 12,49 => 12); mentre, volendo anche impiegare il fattore 1 caloria = 4,1868 Joule, si ravvisano arrotondamenti non coerenti. Vedasi, a titolo d'esempio, il caso dei grassi: 9 kcal * 4,1868 = 37,6800 kJ che, per le ragioni di cui sopra, andrebbe arrotondato a 38 kJ/g e non a 37 kJ/g.

Comunque sia, ribadisco la necessità di adeguarsi a quanto prescritto dalla normativa cogente, dopotutto essa serve proprio a dipanare i possibili dubbi che la Scienza pone in essere...

Stay connected!
Giulio



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

calorie, kj, fattore conversione, grassi, te, valori, kcal, legge, joule

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.