Applicazione artt. 28-29 del DPR 327/80

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Applicazione artt. 28-29 del DPR 327/80 --> M2321

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Applicazione artt. 28-29 del DPR 327/80. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Applicazione artt. 28-29 del DPR 327/80

Buongiorno a tutti,

vorrei sottoporvi un quesito, al quale spero possiate rispondermi.

Con l entrata in vigore del Regolamento 852/2004 ed in particolar modo dell Allegato II, gli articoli 28 e 29 del DPR 327/80 rimangono validi o devono essere disapplicati? Mi riferisco ai requisiti igienico strutturali dei laboratori di produzione e confezionamento, in quanto nel Regolamento comunitario non vengono menzionate tutte le caratteristiche strutturali che invece sono richieste dal DPR. In caso di ispezione, le ASL, per sanzionare, fanno riferimento al solo Regolamento 852/2004 o al DPR 327/80?

Grazie mille

Scusami se ti rispondo ancora . Ma mi era sfuggita l'ultima parte del tuo quesito riguardante riguardante  l'aspetto sanzionatorio .

In linea di massima possono concretizzarsi tre situazioni : 1) Fattspeci penale , avente carattere di reato contravvenzionale  per  la violazione  di qualche aspetto disciplinato dall'articolo 5 della legge n°283 del 30.04.1962 (Modificato dal DL.gsvo 507/99) ma tutt'ora vigente unitamente alle sue sanzioni penali  aventi natura di reati contravvenzionali . (tipico esempio la sua lettera b che sanziona le modalita di conservazione . Anche se il prodotto e ancora perfettamente genuino e sano )  Temperature irregolari , acqua minerale conservata  non al riparo dalla luce solare , utensili e pianali sporchi che vengono diretto a contatto con le sostanze alimentari .  Locali invasi da agenti infestanti in maniera massiva . Oppure la letter D dello stesso articolo  (alimenti in palese stato di alterazione) quando sono ictuoculi invasi da muffe disidratati irraciditi .

A livello amministrativo invece le violazioni riconducibili ai Regolamenti 852 e 853/04  sono sanzionati dal DL.gsvo 193/07. Nei casi meno gravi ai sensi del suo successivo comma 7 possono essere impartite prescrizioni a tempo . Le quali se non ottemperate vengono poi successivamente sanzionate .

 

Ciao Robert

 

 



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

legge, temperatura, muffa, prodotto, alimenti, regolamento ce n 853 2004, sanzioni, acqua minerale, livello, genuino, alterazione alimenti, decreto legislativo 6 novembre 2007 n 193, modalita conservazione, alimentare, regolamento ce n 852 2004

Discussioni correlate (versione beta)








IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.