Etichetta ing. composto: Brodo vegetale - regola 2% o no?

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Etichetta ing. composto: Brodo vegetale - regola 2% o no?

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Etichetta ing. composto: Brodo vegetale - regola 2% o no?, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Buongiorno,
ho un dubbio riguardante la modalità corretta per riportare l'ingrediente composto "brodo vegetale" (privo di glutammato o altri esaltatori di sapidità).

Ho trovato in alcune preparazioni gastronomiche pronte al supermercato la sola indicazione "brodo vegetale", con la spiegazione che questo "mix" fosse al di sotto della soglia del 2% in peso sul prodotto totale.
Non sono sicuro che questo sia corretto, se non considerando il brodo esclusivamente come un mix di erbe o spezie.

Nella mia produzione al momento sto riportando:

  • brodo vegetale (sale, fecola di patate, estratto di lievito, maltodestrine di patate, verdure disidratate (cipolla, carote, ^b+sedano^b-, prezzemolo), olio di girasole, spezie, aromi naturali, antiossidante: estratto di rosmarino)

Volendo semplificare l'etichetta, sarebbe eventualmente possibile riportare:

  1. estratto vegetale (contiene sedano, antiossidante: estratto di rosmarino) [(seguendo il principio del 2%, ma indicando comunque allergeni e additivo(che in questo caso considero facente funzione, e non carry over)]
  2. brodo vegetale (contiene sedano, antiossidante: estratto di rosmarino)
  3. accorpamento totale nella lista principale ed eliminazione della dicitura "brodo/estratto vegetale" [risultato più "sporco" a mio modo di vedere]

Ringrazio chi possa avere chiarimenti in merito.

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Etichetta ing. composto: Brodo vegetale - regola 2% o no?
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Questo è il contesto:

2. Fatto salvo l’articolo 21, l’elenco degli ingredienti previsto per gli ingredienti composti non è obbligatorio: ...b) per gli ingredienti composti che consistono in miscele di spezie e/o di piante aromatiche che costituiscono meno del 2 % del prodotto finito, ad eccezione degli additivi alimentari, fatto salvo l’articolo 20, lettere da a) a d);

A mio avviso, dato che stiamo parlando di un prodotto che consiste in ben più di sole miscele di spezie e/o di piante aromatiche, direi che il problema non si pone, quindi fai bene a continuare ad esplicitare tutto.

Che, poi, la GD si prenda qualche libertà è cosa nota...


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ti ringrazio Alfcrelici, tuttavia però allora, rimanendo nel Regolamento (UE) n°1169/2011 Allegato VII, Parte E, il contesto non potrebbe essere:

Fatto salvo l’articolo 21, l’elenco degli ingredienti previsto per gli ingredienti composti non è obbligatorio: a) quando la composizione dell’ingrediente composto è definita nel quadro di disposizioni vigenti dell’Unione e nella misura in cui l’ingrediente composto interviene per meno del 2 % nel prodotto finito; tuttavia, tale disposizione non si applica agli additivi alimentari, fatto salvo l’articolo 20, lettere da a) a d)

Con articolo 20 che riporta:

Fatto salvo l’articolo 21, nell’elenco degli ingredienti non è richiesta la menzione dei seguenti costituenti di un alimento: ...b) gli additivi e gli enzimi alimentari: i) la cui presenza in un determinato alimento è dovuta unicamente al fatto che erano contenuti in uno o più ingredienti di tale alimento, conformemente al principio del trasferimento di cui all’articolo 18, paragrafo 1, lettere a) e b), del regolamento (CE) n. 1333/2008, purché non svolgano una funzione tecnologica nel prodotto finito; oppure

ii) che sono utilizzati come coadiuvanti tecnologici;

...Portandomi quindi, in virtù della quantità inferiore al 2% (e in barba alla "miscela di x") ad eliminare tutto ciò che non è un allergene e tutto ciò che è un coadiuvante o un additivo senza funzione tecnologica finale?

Ammetto che potrebbe sfuggirmi il senso di quel "quando la composizione dell’ingrediente composto è definita nel quadro di disposizioni vigenti dell’Unione".
Si intende forse che la composizione di quel dato ingrediente è comunque definita per legge e non può essere modificata e quindi solo in questo caso non è necessario citarne le componenti se sotto il 2%? (Cosa che in effetti non credo riguardi il brodo vegetale)


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

“Si intende forse che la composizione di quel dato ingrediente è comunque definita per legge …?”

Esatto, essendo definita si presume che non sia necessario ri-esplicitarla.

Quindi temp proprio che si debba dichiarare tutto (a meno che, come detto, non si voglia ricorrere alle “deroghe” made in GD).


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao Alfredo ai tempi dell'introduzione del 1169 mi ricordavo che se un composto contiene un allergene ne va esplicitato il contenuto anche se sotto 2%. Reminiscenze errate oppure ha senso?


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Confermo: gli allergeni vanno indicati sempre.

Per quanto riguarda la faccenda del 2%, tale obbligo è ribadito dalla frase " Fatto salvo l’articolo 21".

(Articolo 21 Etichettatura di alcune sostanze o prodotti che provocano allergie o intolleranze)


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

ingrediente, etichetta, additivi, prodotto, spezie, composizione, allergeni, alimenti, sedano, antiossidanti, elenco ingredienti, alimentare, miscela, aroma, piante, patate, legge, enzima, sale, olio oliva, e621, quantita, lievito, regolamento ue n 1169 2011, coadiuvante tecnologico, prezzemolo, carota, esaltatore sapidita, regolamento ce n 1333 2008, produzione, cipolla, preparazione gastronomica, sicuro, peso

Discussioni correlate