Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.taff.biz/home/index.php on line 374 Etichettatura: calcolo valore energetico (by ) #M - Taff

Etichettatura: calcolo valore energetico

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Etichettatura: calcolo valore energetico --> M7279

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Etichettatura: calcolo valore energetico. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Etichettatura: calcolo valore energetico

Ciao a tutti ed in particola a Trentino che mi ha prontamente risposto,

mi sono accorto che avevo un baco nel foglio di excel preparato e non mi raccoglieva un dato... quindi spiegato l'arcano... eppure ci sono stato sù parecchio prima di postare nel forum... la mente che mente...

Intanto ho notato che comunque rimane una certa differenza tra i valori calcolati con i due metodi ed ho anche visto perchè. I dati del valore energetico di INRAN e IEO sono calcolati considerando come fattore di conversione per i carboidrati 3,75 e non 4 (come imposto dal Reg 1169). infatti per una crostata usando come fattore di conversione x carboidrati di 4 ottengo 446 Kcal/100g, mentre usando 3,75 ottengo 427, che è esattamente la sommatoria dei valori nutrizionali degli ingredienti proposti da INRAN.

Insomma se si vuole seguire la norma (Reg 1169) si rischia di fornire delle info energetiche sovrastimate (almeno rispetto ai valori di letteratura riconosciuti)

D'altro canto per essere coerenti bisogna fare così, in quanto chiunque leggendo l'etichetta può verificare i calcoli delle calorie partendo dai valori dei nutrienti, moltiplicandoli per i fattori imposti dalla normativa. Se poi i conti non tornano è rischioso per il produttore essere così facilmente esposto ad una contestazione?

A questo punto però si apre il caso in cui il produttore faccia delle prove di laboratorio, a quel punto non credo che i valori siano esattamente rispondenti ai calcoli teorici (fino ad ora non ne ho mai fatti e non ho il paragone) e quindi neanche verificabili con il calcolo aritmetico proposto dalla normativa... e quindi non è vero che sia così facile contestare formalmente i valori... e quindi tornando al caso di valori dichiarati su dati di lettaratura, è più giusto dare valori realistici (fatt. conversione 3,75) o coerenti con i requisiti della normativa ( fatt. conv. 4)?

scusare il discorso un po' sconneso ma l'ho scritto di getto... spero si capisca...

 



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

valori, fattore conversione, carboidrati, inran, kcal, calorie, etichetta, requisiti, valore energetico, valori nutrizionali, nutriente, verifica, ingrediente, laboratorio

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.