Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.taff.biz/home/index.php on line 374 Il lievito naturale di pasta acida (madre) è un allergene? (by ) #M - Taff

Il lievito naturale di pasta acida (madre) è un allergene?

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Il lievito naturale di pasta acida (madre) è un allergene? --> M7205

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Il lievito naturale di pasta acida (madre) è un allergene?. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Il lievito naturale di pasta acida (madre) è un allergene?

Buongiorno a Lei,

personalmente ritengo che intorno all'argomento "madre" ci sia veramente troppa confusione: interpretazioni fantasiose e moltissimi fraintendimenti (voluti o casuali non entro in merito!) sfruttati solamente a vantaggio delle aziende e a danno di tutti coloro i quali usufruiscono dei loro prodotti.

Far rientrare la madre nel campo dei coadiuvanti tecnologici vuol dire cercare di farla rientrare in un settore ancora più caotico dove tutto è "legalmente" lecito e consentito. Dietro alle parole coadiuvanti tecnologici si nascondono spesso additivi e sostanze che dovrebbere essere tutte dichiarate in etichetta ma, grazie a questo espediente legale, tutto è lecito e l'etichetta resta ingannevolmente "bianchissima", come un lenzuolo appena candeggiato.

Per esempio, ricollegandomi ad un mio recente articolo intitolato La funzione degli Additivi nelle Farine, segnalo il caso delle "semplici" farine: sui sacchi da 25 kg o sacchetti da 1 kg, che dir si voglia, non compare mai nulla, solo la dicitura merceologica e invece...? Tantissime sostanze possono essere aggiunte come additivi volontari, fatti passare come coadiuvanti tecnologici e non essere in alcun modo dichiarate in etichetta. Farine acquistate all'estero, (nessuna legge di tracciabilitä per il frumento!) magari di pessima qualità reologica, che sono semplicemte "costruite" artificialmente in laboratorio.

Il consumatore e gli operatori del settore hanno utilizzato e utilizzano tutt'ora farina additivata, grazie ad espedienti piü o meno leciti, pensando si tratti esclusivamente di farina bianca ed invece...

Per fortuna non tutti i mugnai si comportano cosi!

A mio modesto parere, piuttosto che inserire la "madre" in un altro calderone più caotico, nebuloso dell'attuale stato, dove tutto è legalmente lecito, cercherei di farle ottenere un riconoscimento legislativo ad hoc come penso si meriti.

Un saluto cordiale.



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

farina, coadiuvante tecnologico, additivi, etichetta, frumento, legislativo, laboratorio, qualita, legge, consumatore, reologico

Discussioni correlate (versione beta)








IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.