Leggi non abrogate ma ritenute tali

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Leggi non abrogate ma ritenute tali

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Leggi non abrogate ma ritenute tali, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Vorrei conoscere il vostro parere relativamente alla Legge n°283 del 30/04/1962 ed al DPR n°327 del 26/03/1980.

Queste leggi nazionali restano in vigore o, come sostengono alcune ASL, essendo in competizione con i Regolamenti Comunitari sono da "ritenersi" abrogate (anche in quanto in contrasto oggettivo con il Reg. (CE) n°852/04)?

Saluti.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Leggi non abrogate ma ritenute tali
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Occhio a ritenere abrogata la Legge n°283/62 perché così facendo si rischia la galera.

Le leggi da te citate, seppur "antiche", sono in vigore per alcuni articoli/commi, poiché il Reg. CE 852/04, a livello nazionale non copre tutti gli aspetti, in particolare il regime sanzionatorio (parzialmente gestito con il DLgs n°193/2007).

Per farti un esempio: il reato penale di immissione sul mercato di merci infestate da parassiti (ad es. anisakis nel sushi) è ancora disciplinato dalla Legge n°283/62 così come l'etichettatura ingannevole per il consumatore ed altro.

Il DPR n°327/80 per esempio è ancora in vigore per l'allegato C che disciplina le temperature di trasporto massime ammissibile dei prodotti alimentari..

In sostanza, occhio a considerare abrogato solo perché vecchio o perché siamo in Europa e ci sono i Regolamenti CE.

Un caso curioso all'inverso è che molti fanno ancora riferimento al DLgs n°155/97 per l' Hazard Analysis and Critical Control Points (HACCP) che invece è davvero abrogato dal Reg. CE n°852/2004.

Saluti.

MG


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao MG,

grazie per la risposta. Condivido pienamente, ma per quanto attiene all'articolo da te citato: "Per farti un esempio: il reato penale di immissione sul mercato di merci infestate da parassiti (ad es. anisakis nel sushi) è ancora disciplinato dalla Legge n°283/62 così come l'etichettatura ingannevole per il consumatore ed altro." posso dirti che nessun pesce oggi sarebbe venduto se i mercati ittici o gli stabilimenti del pesce dovessero attuare tale articolo, in quanto l'anisakis è "quasi" sempre presente.

Strano che compaia in pescheria e non negli stabilimenti o nei mercati ittici.

Saluti,

Michele


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Giusta osservazione: ai mercati è purtroppo frequente e su questo si può far ben poco.

Mi riferivo comunque all'anisakis nei prodotti finiti/trasformati/processati e quindi originato da materie prime non "bonificate".

Saluti,

MG


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Non bonificati e presumo non contaminati, vogliamo crederci? Come giustamente osservavi il problema anisakis è valutato in modo molto benevolo in prima fase autocontrollo in pescheria poi sono cavoletti amari, non posso credere che un'industria che lavori lo sgombro o le alici non abbia mai elaborato una non conformità o rimandato indietro della merce anche se poi il trattamento serve a bonificare ma il ricevimento è il ricevimento. sull'isola che non c'è si pesca il pesce anisakis free ;-))


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

abrogazione, legge, anisakis, legge 30 aprile 1962 n 283, te, regolamento ce n 852 2004, etichettatura ingannevole, consumatore, contaminato, ausl, decreto presidente repubblica n° 327 26 03 1980, non conformita, competizione, lavoro, alici, decreto legislativo 26 maggio 1997 n 155, livello, temperatura trasporto, autocontrollo, pesche, sgombro, decreto legislativo 6 novembre 2007 n 193, materia prima, trattamento, cavolo, haccp, prodotto alimentare

Discussioni correlate