Collocazione postazioni erogatrici di esca rodenticida

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Collocazione postazioni erogatrici di esca rodenticida

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Collocazione postazioni erogatrici di esca rodenticida, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Pagine: 1 2

Oggetto:

Ciao a tutti,

partecipo sempre volentieri a questi confronti; li trovo molto costruttivi e stimolanti.

Personalmente ritengo che gli erogatori di esche andrebbero posti all'esterno, lungo il perimetro dello stabilimento, o nelle aree di carico e scarico, ma non negli ambienti produttivi. Gli erogatori di esca devono essere a norma.

A tal proposito consgilio la norma norma UNI 11381:2010 sul controllo e monditoraggio degli infestanti, che ritengo molto utile!

So che alcune ditte al di fuori degli ambienti di lavorazione utilizzano trappole a cattura multipla, non le conosco però molto bene. Per quello che ne so, consentono di catturare anche più individui, però vanno ovviamente subito svuotate per via dei possbili "allarmi" alla popolazione murina (cioè i segnali di allarme da parte dell'individuo catturato nei confronti degli altri roditori, che vanificherebbe tale tipo di cattura.

Resto a diposizione!

Saluti,

by marco896


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Collocazione postazioni erogatrici di esca rodenticida
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Ottimo approccio direi!

Ciao.

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ciao a tutti,

io lavoro come auditor di Qualità e Food Safety, non per enti certificatori, ma per una multinazionale alimentare europea e vi posso dire che anche all'estero non usano le trappole rodenticide internamente ai locali produttivi, perché il veleno potrebbe comportare seri problemi durante la manipolazione - in caso di lavorazioni manuali - o contaminare i prodotti durante il confezionamento e le varie attività giornaliere.

Però le trappole a cattura e monitoraggio con attrattivo alimentare ci vogliono all'interno degli edifici produttivi, perchè altrimenti si perderebbe l'informazione di eventuali presenze di infestanti che potrebbero esservi, specialmente durante le chiusure del fine settimana.

I nostri amici roditori, infatti, aspettano la quiete ed il silenzio, solitamente appunto nel fine settimana o di notte, per fare incetta di residui alimentare derivanti dalle produzioni; il loro passaggio all'interno della produzione dove ci sono le linee produttive, ovviamente, non è accettabile per i motivi sopra descritti (problemi di microbiologia e corpi estranei).

Non si capisce molto bene dalle dichiarazioni precedenti se l'ASL abbia chiesto espressamente delle trappole con bromadiolone (comunemente usato come veleno anticoagulante del sangue per i muridi) o no; comunque penso che le trappole di esclusivo monitoraggio senza veleno siano facilmente reperibili sul mercato e possano risolvere la disputa ASL - Certificatore di Qualità.

Sperando di avere dato qualche utile informazione.

Ciao.


replyemailprintdownloadaward

Pagine: 1 2



Parole chiave (versione beta)

monitoraggio, ausl, alimentare, controllo, qualita, infestazione, alimenti, base, trattamento, certificazione, animale, confezionamento, igiene alimenti, microbiologia, sale, distributore, prodotto, brc, food safety, lavoro, residui, igienico, scienze tecnologie alimentari, azienda settore agroalimentare, ente, ispettore, professionale, ultrasuoni, formazione, magazzino, responsabile autocontrollo, corpo estraneo, igienico sanitario, non conformita, trappole cattura multipla, esame, ispezione

Discussioni correlate