Legislazione specifica Acido Selenioso e suoi sali di Sodio

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Legislazione specifica Acido Selenioso e suoi sali di Sodio --> M4918

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Legislazione specifica Acido Selenioso e suoi sali di Sodio. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Legislazione specifica Acido Selenioso e suoi sali di Sodio

Grazie alfclerici per la veloce risposta!

Parto subito col dire che la "strada impossibile" del Ministero della Salute per mia fortuna è stata molto semplice!! Sabato dopo aver scitto sul forum mi sono cimentato nel cercare l'uffico preposto dal ministero trovando questo:

Direzione Generale Igiene, Sicurezza Alimenti e Nutrizione , Ufficio: Alimenti particolari, integratori e novel food, Direttore: dott. Bruno Scarpa,

il quale dopo avergli mandato una mail oggi il caro dottore mi ha risposto con:

secondo la vigente legislazione il sodio selenito è ammesso come fonte di selenio per l’aggiunta agli alimenti dal regolamento (CE) 1170/2009.

quindi siamo sulla buona strada :D. Per l'altro ente AIIPA mi metto subito in contatto.

Tutte le tue indicazioni da te fornite sono state consultate, anche se trattano il selenio su differenti matrici il quantitativo massimo per l'alimentazione umana non è pervenuta, eccezion fatta solo per settore mangimistico e di alimenti per lattanti.

Dopo un breefing con i miei docenti di Tesi posso constatare, considerando i Regolamenti CE 1170/2009 Modifica la Dir. 2002/46/CE del Parlamento europeo e del Consiglio e il Reg. CE n. 1925/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli elenchi di vitamine e minerali e le loro forme che possono essere aggiunti agli alimenti, compresi gli integratori alimentari (in G.U.U.E. L 314, 1.12.09) , che le quantità consentite devono rispondere a studi scientifici sulla valutazione dei valori di riferimenti della popolazione "target" e che nel prodotto va immessa una quota tale da rimanere in un range accettabile (quota massima e minima), intervallo dedotto dallo studio EFSA (L’acido selenioso quale fonte di selenio aggiunto agli integratori alimentari a scopi nutrizionali) citato in inglese da me sopra.

Appena avrò risposta dall'AIIPA, farò sapere!

Grazie Mille!!!!!



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

alimenti, integratori alimentari, igiene, legislazione, efsa, alimentazione, prodotto, sicurezza prodotti alimentari, ente, quantita, acido, integratore, vitamina, range, nutrizione, te, valori, nutrizionale

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.