Etichettatura made in Italy: che fine ha fatto la 4/2011?

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Etichettatura made in Italy: che fine ha fatto la 4/2011?

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Etichettatura made in Italy: che fine ha fatto la 4/2011?, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

 Il primo tentativo per farsi in casa (made in Italy, appunto) una legge relativa all'etichettatura dei prodotti alimentari “al fine di garantire la più ampia tutela del consumatore” risale al 2004. Il punto qualificante dell'iniziativa, manco a dirlo, era l'obbligo di indicare origine e provenienza dei prodotti.

(Chi volesse dettagli li può trovare qui).

Dopo una penosa serie di circolari e comunicati, qualcuno si accorse che gli Stati membri non possono legiferare sull'etichettatura a loro piacimento: la Comunitaria 2007 abrogò il testo in quanto “in contrasto con la normativa comunitaria”.

Passò qualche anno, ma la voglia di made in Italy covava sotto le ceneri

Arriviamo, così, al secondo atto di questa sconfortante vicenda: il 3 febbraio 2011 vede la luce la legge n. 4 (Disposizioni in materia di etichettatura e di qualità' dei prodotti alimentari) che rimette in ballo, indovinate un po'?, l'obbligo di indicare origine e provenienza.

Sull'iniziativa, così si è espresso Giuseppe De Giovanni:

La legge ... presenta numerosi problemi di incongruenza, oltre ad essere in contrasto con la normativa comunitaria.

Quel che conta, appare con tutta evidenza, è il risultato politico. Quel che si vuol enfatizzare é l'impulso del MiPAAF sul Parlamento che ha portato all'accoglimento delle richieste autarchiche del mondo agricolo, restando del tutto indifferente alle istanze del mondo dell'industria trasformatrice che si oppone a norme nazionali difformi da quelle comunitarie.

Forse la Commissione europea non eccepirà nulla...perché aspetta la trasmissione dei decreti attuativi.

Non occorrerà molto tempo ancora per avere la prova che i nostri politici hanno intrapreso un percorso che li porterà in un vicolo cieco.

A conclusione di questa breve cronaca, ecco cosa è possibile leggere nell'eloquente resoconto della seduta del Senato della Repubblica del 20 settembre scorso:

Titolo: rilanciare le produzioni agroalimentari nazionali

Numerosi senatori chiedono notizie sui decreti attuativi della 4/2011.

Il ministro Catania (MPAAF) risponde, tra l'altro:

Occorre tener presente che la legge n. 4 del 2011 sull'etichettatura dei prodotti agroalimentari si inserisce in un quadro normativo regolato a livello sovrastante dall'Unione europea e che quindi la redazione dei decreti attuativi pone problemi di compatibilità con la normativa comunitaria vigente, la cui eventuale evoluzione richiede iniziative specifiche nelle sedi europee.

Seguono le reazioni spazientite di alcuni interroganti (le citazioni tra parentesi, però, sono mie):

VALLARDI (LNP). Mentre a Roma si discute della compatibilità con la normativa europea delle norme a tutela del made in Italy, l'agricoltura è in crisi e dilaga la contraffazione che danneggia produttori e consumatori.(Dum Romae consulitur, Saguntum expugnatur!)

SCARPA BONAZZA BUORA (PdL). Anziché interrogarsi preventivamente sulla compatibilità con la normativa europea, il Governo dovrebbe anzitutto emanare i decreti attuativi di una legge votata all'unanimità dal Parlamento e poi notificare i testi a Bruxelles. (L'esercito vada avanti, l'intendenza seguirà!)

Ma Vallardi non è Tito Livio e Scarpa Bonazza Buora non è Napoleone, quindi...

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Etichettatura made in Italy: che fine ha fatto la 4/2011?
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Scusate, ma io e NORMATTIVA abbiamo qualche problema.

Il testo della 4/2011 è qui


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Un'altra precisazione (prima che qualcuno mi tiri le orecchie).

La citazione della Comunitaria 2007 si riferisce al testo del suo DDL. Nella conversione in legge, le citate abrogazioni scomparvero: manovra inutile, dato che, come è noto, nulla cambiò.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

La vicenda della 4/2011 si arricchisce di un nuovo capitolo.

Se una legge ritarda, la soluzione è semplice: fare un'altra legge. Ecco, quindi, il DDL 3337 (Attuazione dell'articolo 4 della legge 3 febbraio 2011, n. 4 in materia di etichettatura dei prodotti alimentari) il quale, per evitare ulteriori lungaggini, si compone di un solo articolo: "I decreti di cui all’articolo 4, comma 3, della legge 3 febbraio 2011, n. 4, sono emanati entro due mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge.".

Cosa accadrà se, trascorsi i due mesi (ipotesi non improbabile!) non accadrà nulla? Forse un nuovo DDL? Mah!

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Ho rispolverato il tema della indicazione d'origine obbligatoria, dato che ci sono interessanti novità.

La Commissione Europea si è recentemente espressa sul contenuto delle due leggi di cui trattasi (legge 350/03 e legge 4/11) ed in particolare sulla definizione di “paese d'origine”, contenuta in entrambi i testi.

Come si può notare dal testo che allego (Richiesta di informazioni supplementari alle autorità italiane nell'ambito del caso EU Pilot 5938/13/SNCO) le parole di De Giovanni (“Non occorrerà molto tempo ancora per avere la prova che i nostri politici hanno intrapreso un percorso che li porterà in un vicolo cieco”) si sono dimostrate quanto mai profetiche.

(P.S. Nel mio primo intervento, il link all'interno della frase “Chi volesse dettagli li può trovare qui” non è più attivo: ecco il nuovo link)


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

legge, made italy, prodotto alimentare, consumatore, livello, qualita, contraffazione

Discussioni correlate