CCP basi per pizza romana precotte

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> CCP basi per pizza romana precotte --> M9840

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo CCP basi per pizza romana precotte. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: CCP basi per pizza romana precotte

Non sempre la cottura è un CCP! Partiamo dalla caratterizzazione del rischio e immaginiamo che ci siano anche contaminanti chimici che non sono termolabili. Per esempio le aflatossine. Si sconvolge quello che è l'approccio normalmente adottato, ma di questi tempi forse si dovrebbe capire che i modelli standard non funzionano. In più utilizziamo quello che già 18 anni fa veniva proposto dal vol. 7 dell'ICMSF, ossia il concetto di FSO. Si parte dalla concentrazione iniziale dell'agente contaminante, che può essere dimnuito da vari interventi corretti ma anche aumentato da possibili situazioni negative.
Riguardiamo tutto quanto detto nella domanda in questa prospettiva e domandiamoci quale risultato possiamo ottnere e se è quindi sostenibile o accettabile.
Solo come parziale esemplificazzione proviamo ad ipotizzare le differenze su un microrganismo con carica iniziale 10, 1000 o 100000 (ufc/g: pensiamo alla conta di microrganismi alteranti), oppure se patogeno 1 100 o presente in 125 g (conteggio o presenza / assenza di un patogeno). Il trattamento con 5D, come può essere una pastorizzazione ottiene risultati completamente diversi se la partenza è bassa media od alta. Non ne parliamo se dopo il trattamento termico essiste la possibilità di reinquinare, cosa che spesso sottovalutiamo e si combatte solo con le GMP, spesso dimenticate.
Dettagli ed eccezioni sono troppi per descriverli tutti, qui si è provato solo a proporre l'approccio che si potrebbe adottare per definire il problema, con tutte le problematiche di reperire dati, concentrazioni reali e non analitiche, dati epidemiologici e non modelli predittivi.



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

contaminanti, microrganismo, concentrazione, gmp, pastorizzazione, critical control point, aflatossine, trattamento termico, rischio, trattamento, cottura

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.