Indicazione Allergeni in Vaschette preparate al Supermercato

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Indicazione Allergeni in Vaschette preparate al Supermercato --> M8076

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Indicazione Allergeni in Vaschette preparate al Supermercato. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Indicazione Allergeni in Vaschette preparate al Supermercato

Vedo che l'argomento continua a suscitare dubbi e ciò è logico, dato che le disposizioni di Legge, vecchie e nuove, non sono chiare.

A mio avviso, i concetti da tener presente per capirci qualcosa sono bene espressi dalla Sentenza n°15/99 del 30/03/1999 della Cassazione Civile - Pret. Lodi - Sez. Codogno citata dal mio articolo:

« Se il legislatore avesse voluto differenziare i prodotti preincartati da quelli preconfezionati solo per il fatto che le operazioni di imballaggio avvengano o meno all'interno del punto di vendita, non si sarebbe dilungato a descrivere in modo dettagliato le caratteristiche dell'involucro dei prodotti preconfezionati. caratteristiche omesse in sede di definizione dei prodotti preincartati, per i quali, infatti, non è richiesta una particolare confezione sigillata.

...omissis...

la finalità della direttiva CEE è quella di tutelare i consumatori avverso quei prodotti alimentari che vengono inseriti in un involucro sigillato prima di essere proposti in vendita, senza cioè che il consumatore abbia potuto decidere a priori la qualità e la quantità del prodotto acquistato, senza aver verificato la sua provenienza e senza aver assistito alle relative operazioni di confezionamento.

...omissis...

Il prodotto preincartato, invece, non viene imballato prima di essere posto in vendita (e quindi non è proposto come tale al consumatore), ma viene semplicemente avvolto in un involucro (non sigillato) direttamente dal venditore, previa indicazione e scelta del prodotto (sfuso) da parte del consumatore. »

Come si vede, da un lato prevale il diritto del Consumatore ad essere informato (e ciò è indiscutibile, sia rispetto al D.Lgs n°109/1992 che al Reg. (UE) n°1169/2011); mentre dall'altro troviamo l'ovvio interesse del Commerciante (attaccandosi alla faccenda del Preincarto) ad utilizzare imballi quasi del tutto privi di indicazioni.

Ovviamente, con l'arrivo del Reg. (UE) n°1169/2011, tali indicazioni devono comprendere anche gli Allergeni.

Dopodiché, come ho già detto, ognuno è libero di regolarsi come meglio crede, basta che non facciate pagare a me le multe.

(Quanto alle “disposizioni nazionali” evocate dal più volte menzionato Regolamento, temo, se mai arriveranno, che non risolveranno nulla...).



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

consumatore, prodotto, preconfezionato, imballaggi, quantita, legge, prodotto alimentare, confezione, qualita, confezionamento, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.