Panificio: Lavorazione Impasti per Pane da Fermalievitazione

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Panificio: Lavorazione Impasti per Pane da Fermalievitazione

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Panificio: Lavorazione Impasti per Pane da Fermalievitazione, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Buongiorno a tutti,

desidererei confrontarmi con voi relativamente alla seguente casistica: la Ditta A produce Impasti per Pane attuando la Fermalievitazione e per mezzo di un automezzo coinbendato dotato di gruppo frigorifero - rispettando pertanto la catena del freddo - trasporta tali Impasti per Pane da Fermalievitazione alla Ditta B. La Ditta B terminerà la lavorazione del Pane e lo venderà sfuso nel proprio Punto Vendita.

A vostro avviso il Processo Produttivo sopra descritto può essere eseguito legittimamente? La Ditta B, che acquisterebbe il semilavorato (ovverosia l'Impasto per Pane da Fermalievitazione) e terminerebbe la lavorazione, potrebbe secondo voi richiedere la Registrazione dell'Attività di Panificazione per mezzo di regolare Segnalazione Certificata di Inizio Attività (SCIA)?

Grazie anticipatamente per gli eventuali contributi!


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Panificio: Lavorazione Impasti per Pane da Fermalievitazione
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

La norma di riferimento per l'attività di panificazione è il D.L. 223/2006 - art.4, in relazione alla quale sono state emanate Leggi regionali.

Mi risulta che la denominazione "Panificio" è riservata all'attività costituita dall' intero ciclo produttivo.


replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

il D.L. 223/2006 - art.4, è stato abrogato il 11-8-2006, al suo èposto vige la legge che oggi definisce il pane è la L. 4.8.06 n. 248 pubblicata in s.o. 183 a G.U. 186, 11.8.06: art 4 comm. 2 ter lettera a) la denominazione di "panificio" da riservare alle imprese che svolgono l’intero ciclo di produzione del pane, dalla lavorazione delle materie prime alla cottura finale;

mentre la stessa definisce quella di pane fresco alla lettara b:

b) la denominazione di "pane fresco" da riservare al pane prodotto secondo un processo di produzione continuo, privo di interruzioni finalizzate al congelamento, alla surgelazione o alla conservazione prolungata delle materie prime, dei prodotti intermedi della panificazione e degli impasti, fatto salvo l’impiego di tecniche di lavorazione finalizzate al solo rallentamento del processo di lievitazione, da porre in vendita entro un termine che tenga conto delle tipologie panarie esistenti a livello territoriale;


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

pane, impasto, pasta, legge, registrazione, fresco, processo produttivo, materia prima, processo, congelamento, abrogazione, livello, semilavorato, conservazione, prodotto, certificato, surgelazione, cottura

Discussioni correlate