Indicazione Allergeni: è necessario specificare l'allergene?

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Indicazione Allergeni: è necessario specificare l'allergene? --> M6476

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Indicazione Allergeni: è necessario specificare l'allergene?. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Indicazione Allergeni: è necessario specificare l'allergene?

Allergeni:

In merito alle modalità da utilizzare per evidenziare la presenza di allergeni (e fatte salve le precisazioni di Antonio: stiamo parlando del Reg. UE 1169/11 e non del D.Lgs. 109/92), segnalo quanto indicato nel documento Domande e risposte sull'applicazione del regolamento (UE) n. 1169/2011 relativo alla fornitura di informazioni sugli alimenti ai consumatori:

2.4.1 Se la denominazione di un ingrediente comprende il nome di una sostanza o di un prodotto che provoca allergie o intolleranze (ad esempio il termine tedesco "milchpulver", che significa "polvere di latte"), deve essere messa in evidenza l'intera parola o solo la parte che fa riferimento a questo prodotto o a questa sostanza (in altrii termini, si deve scrivere milchpulver o milchpulver)?

Nell'elenco degli ingredienti, gli operatori del settore alimentare devono mettere in evidenza il nome della sostanza o del prodotto elencato nell'allegato II del regolamento FIAC*. Di conseguenza, deve essere evidenziata solo la parte del nome dell'ingrediente corrispondente a queste sostanze o prodotti (ad esempio "milchpulver"). Tuttavia, per motivi pratici, anche la messa in evidenza dell'intera denominazione (ad esempio "milchpulver") è considerata conforme alle prescrizioni legali. Ovviamente, quando la denominazione dell'ingrediente è composta da più parole separate, deve essere evidenziato solo il prodotto o la sostanza che provoca allergie o intolleranze (ad esempio "poudre de lait", "latte in polvere").

Solfiti:

La frase utilizzata dall'1169/11 è: così come proposti pronti al consumo.

Il che significa, a mio avviso, che la quantità va calcolata (non solo analiticamente, ma anche secondo frequenze che rispondano ad una corretta analisi del rischio) sul prodotto finito: solo così si è in grado di valutare correttamente se indicare o meno in etichetta la loro presenza.

In altre parole, per il consumatore non è importante sapere “quanto ne utilizzi nel processo”, bensì “quanto ne può trovare nel prodotto”.

Legenda:

*: FIAC è l'acronimo per Fornitura di Informazioni sugli Alimenti ai Consumatori



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

prodotto, ingrediente, consumatore, conforme, etichetta, alimenti, elenco ingredienti, quantita, composta frutta, processo, operatore settore alimentare, analisi rischi, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, latte, latte polvere

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.