Reg. UE 931/2011: Rintracciabilità anche al ristorante?

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Reg. UE 931/2011: Rintracciabilità anche al ristorante?

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Reg. UE 931/2011: Rintracciabilità anche al ristorante?, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:

Ciao.

Dal 01/07/2012 si applica il nuovo Reg. Ue 931/2011 relativo ai requisiti di rintracciabilità fissati dal Regolamento (CE) 178/2002 per gli alimenti di origine animale.

Cosa cambia e a chi si applica?

Il mio dubbio è se si applica anche ai ristoranti? Anche i ristoratori devono aggiornare il sistema di rintracciabilità?

Grazie.

 

 


replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Reg. UE 931/2011: Rintracciabilità anche al ristorante?
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:

Riassumo alcuni punti per tentare di arrivare ad una risposta.

Regolamento 931/11:

Per ottenere la rintracciabilità degli alimenti di cui all'articolo 18 del regolamento (CE) n. 178/2002, sono necessari i nomi e gli indirizzi sia degli operatori del settore alimentare che forniscono gli alimenti sia di quelli a cui gli alimenti sono stati forniti. Il requisito si basa sull'approccio denominato «una fase prima — una fase dopo», secondo il quale gli operatori del settore alimentare devono disporre di un sistema che consenta loro di individuare i loro fornitori e clienti diretti, fuorché nel caso dei consumatori finali [nel nostro caso, i clienti del ristorante].

1. Il presente regolamento si applica agli alimenti definiti prodotti trasformati e non trasformati nell'articolo 2, paragrafo 1, del regolamento (CE) n. 852/2004: [n) «prodotti non trasformati»: prodotti alimentari non sottoposti a trattamento, compresi prodotti che siano stati divisi, separati, sezionati, affettati, disossati, tritati, scuoiati, frantumati, tagliati, puliti, rifilati, decorticati, macinati, refrigerati, congelati, surgelati o scongelati; o) «prodotti trasformati»: prodotti alimentari ottenuti dalla trasformazione di prodotti non trasformati. Tali prodotti possono contenere ingredienti necessari alla loro lavorazione o per conferire loro caratteristiche specifiche.]

Le suddette definizioni vanno però lette tenendo conto che:

2. Il presente regolamento non si applica agli alimenti contenenti prodotti di origine vegetale e prodotti trasformati di origine animale.

Quindi, potrei riassumere così:

  • Il ristoratore è un OSA? Se sì, come ritengo, il regolamento riguarda anche lui.

  • Di quali prodotti deve grantire la rintracciabilità? Prodotti non trasformati di origine animale.

  • Quali informazioni deve raccogliere? Direi:

a) una descrizione dettagliata degli alimenti;

b) il volume o la quantità degli alimenti;

c) il nome e l'indirizzo dell'operatore del settore alimentare che ha spedito gli alimenti;

d) il nome e l'indirizzo dello speditore (proprietario) se diverso dall'operatore del settore alimentare che ha spedito gli alimenti;

...

g) un riferimento di identificazione del lotto o della partita, se necessario;

Un articolo sull'argomento.


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

alimenti, rintracciabilita, ristorante, regolamento ue n 931 2011, operatore settore alimentare, prodotto trasformato, regolamento ce n 178 2002, requisiti, animale, prodotto alimentare, ingrediente, alimenti origine animale, consumatore, volume, pulito, surgelati, fornitore, regolamento ce n 852 2004, congelato, quantita, trattamento

Discussioni correlate