Sterilizzazione Pasta Fresca

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Ingegneria Alimentare --> Sterilizzazione Pasta Fresca --> M1723

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Sterilizzazione Pasta Fresca. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Sterilizzazione Pasta Fresca
Ciao Donato, bravo quesito molto interessante.
Secondo il mio modesto parere (sono solo mie personali opinioni e prendile come tali)  nel tuo caso molti sono i fattori e i parametri da tenere in considerazione:
-la modalità di sterilizzazione (anche se suppongo avvenga in autoclave)
-l’acidità dell’alimento: con pH < 4.5 (alimenti acidi) sono sufficienti T attorno ai  100°C,
con pH>4.5  il range sarà tra i 115-120°C per circa 20 minuti o più.
Se le temperature di sterilizzazione sono > 100 viene  impiegata generalmente  l’ autoclave (che permette di aumentare la pressione con conseguente aumento della temperatura di ebollizione dell'acqua oltre i 100°C).
Gli attuali sistemi di sterilizzazione consentono T  di circa 140°C per pochi secondi, segue raffreddamento rapido e confezionamento asettico,  (esempio il caso che io personalmente conosco meglio il latte UHT).
-parametri microbiologici il TDT (tempo di Morte Termica) dal diagramma di ogni microbo si possono poi ricavare i valori F e Z
-la conducibilità termica dell’alimento (c’è sempre una zona dell’alimento in cui il calore arriva più tardi definito” punto più freddo”)
-da considerare anche la forma del contenitore, favorita anche dall’agitazione i migliori a mio  parere sono quelli “cilindrici bassi” (nel caso della pasta non so quali utilizziate)
-puoi anche fare riferimento oltre che all'esperienza e ai dati statistici del pastificio anche alla Bibliografia Scientifica e alle pubblicazioni consultando anche le "Banche dati"
Ovviamente l’argomento è interessante e va ancora dibattuto, ora ti ho risposto così basando solo sulle mie seppur modeste conoscenze e prometto di documentarmi e tornare sull’argomento.
Ad esempio ricordo di aver letto di studi in corso circa l’utilizzo di microonde (ad alta e a bassa potenza) e di radio-frequenze per la sterilizzazione di alimenti solidi e liquidi in seguito  al riscaldamento prodotto dalle onde elettromagnetiche e per effetto diretto che le onde elettromagnetiche hanno sulle spore batteriche.
La   sterilizzazione a microonde o a vapore mi sembra avvenga a frequenze (e non vorrei dire o meglio scrivere cavolate)  di 2450MHZ il tutto controllato mediante sonde e telecamere che trasmettono i dati rilevati ad un PLC.
Non sono se ti sono stato molto utile, spero di non avere divagato troppo e prometto che mi informerò e ti farò sapere.
Intanto spero che altri utenti partecipino alla discussione.
A presto!


torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

sterilizzazione, alimenti, autoclave, ph, temperatura, solido, acido, latte uht, pastificio, microbico, acqua, calore, liquido, range, parametri microbiologici, bibliografia, parametri, confezionamento asettico, pasta, prodotto, acidita, valore f

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.