Mild technologies

TAFF: Talkin´about Food Forum

Sei qui: Ingegneria Alimentare --> Mild technologies

Se desideri rilasciare nuove dichiarazioni, scaricare files, rispondere direttamente agli autori delle dichiarazioni presenti all'interno di questa discussione, dal titolo Mild technologies, occorre effettuare il login, previa registrazione al Forum. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.

Oggetto:
salve a tutti!!! mi presento, mi chiamo mariantonietta e sono anch'io una laureata in scienze e tecnologie alimentari! è da un pò che cerco informazioni più precise sulle "mild technologies".potete aiutarmi? grazie

replyemailprintdownloadaward

Oggetto: Mild technologies
provaprovaprovaprovaprova

Oggetto:
Cara Mariantonietta, visto che nessuno ti ha ancora risposto mi permetto di aprire le danze.. :-)

La tematica da te suggerita è molto vasta ed affascinante, quindi spero vivamente che i contributi degli utenti del forum non si facciano attendere troppo.

Tradizionalmente, le tecnologie di processo in grado di estendere la shelf-life dei prodotti alimentari, sono classificate sulla base del ricorso: a trattamenti termici (vedi ad esempio la pasteurizzazione e la sterilizzazione); al mantenimento alle basse temperature (è il caso della refrigerazione e del congelamento); alla riduzione dell'attività dell'acqua (ad esempio con l'aggiunta di sale oppure zuccheri), all'abbassamento del pH.
A queste tecniche potremmo aggiungere i processi fermentativi, l'aggiunta di conservanti, le atmosfere modificate, l'affumicamento, etc.

Da tempo è assodato che, per avere migliori prestazioni in termini di stabilità e soprattutto di qualità (sia dal punto di vista organolettico, sia da quello nutrizionale), è necessario ricorrere all'utilizzo di più tecniche usate sinergicamente e questo ha consentito lo sviluppo del concetto di tecnologia ad ostacoli (in inglese "hurdle technology"), che magari approfondiremo in un'altra occasione.

E' però proprio la crescente necessità, da parte del consumatore, di disporre di prodotti dotati di un maggiore livello qualitativo, ad aver spinto i massimi studiosi a livello planetario a ricercare tecnologie sempre meno "invasive" per gli alimenti. Si è approdati, pertanto, alle cosiddette mild technologies.

Con questa espressione anglofona (letteralmente "tecnologie miti"), intendiamo quei processi volti a minimizzare il più possibile i danni provocati dai trattamenti convenzionali, pur garantendo buoni risultati in termini di sicurezza degli alimenti.

Sebbene alcune di queste tecniche innovative siano state a lungo studiate (e abbiano trovato applicazione pratica in determinati settori, è il caso della "pascalizzazione"), si tratta pur sempre di un settore poco sviluppato e, pertanto, in grado di riservare grandi sorprese per il futuro.

Tra le mild technologies attualmente studiate e/o già impiegate industrialmente, meritano particolare attenzione:

- il riscaldamento ohmico

- la pascalizzazione, meglio nota come trattamento ad alta pressione (diffusa soprattutto in Giappone)

- i processi di filtrazione

- l'irraggiamento

- l'estrazione con fluidi supercritici

Più allo stato embrionale sono invece:

- gli ultrasuoni

- i campi elettrici pulsati

- i campi magentici oscillanti

Detto questo, non ci resta che addentrarci nelle singole tecnologie. Con quale inziamo? Fatevi sentire.

A presto!
Giulio

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
grazie per la risposta giulio!!!! spero di ottenere informazioni su qualche prodotto specifico ottenuto secondo queste tecniche di produzione! sarebbe proprio il massimo! in ogni caso ti ringrazio!

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:
Il riscaldamento ohmico (in inglese "electro-heating"), per esempio, può essere impiegato nel trattamento di alimenti proteici, nei quali, i metodi convenzionali provocherebbero denaturazione e coagulazione delle proteine.

E' il caso per esempio della pasteurizzazione dall'albume d'uova per la produzione di semilavorati ad uso industriale

Il processo si basa sulla diversa conducibilità degli alimenti, che vengono fatti attraversare da una corrente elettrica. In questo modo, la resistenza opposta al passaggio di corrente provoca una surriscaldamento della massa trattata.

Il grosso vantaggio di questa tecnica è che la temperatura desiderata (si tratta pur sempre un processo termico) viene raggiunta rapidamente e omogeneamente in tutta la massa; di contro, necessita di costi d'investimento generalmente superiori ai metodi tradizionali e questo la rende appetibile per produzioni di fascia alta.

replyemailprintdownloadaward

Oggetto:

Salve Giulio,

sono Marco lavoro da anni nel campo alimentare come tecnico, ho letto la risposta che hai dato a Mariantonietta.......molto interessante !Il mio campo di conoscenze a riguardo è relativamente basso e ciò che ho imparato è stato solo sul "campo" ! Ne approfitto quindi per farti una domanda : riguardo il trattamento di succhi di frutta puri (100% succo) per la conservazione in bottiglia o tetrapak qual'è il trattamento tra i quali hai elencato che pur abbatendo la carica batterica non distrugge le vitamine ?

Grazie, Marco.


replyemailprintdownloadaward



Parole chiave (versione beta)

mild technologies, processo, trattamento, alimenti, pasteurizzazione, livello, riscaldamento ohmico, pascalizzazione, congelamento, lavoro, sale, tecnologia ostacoli, base, consumatore, proteine, sicurezza prodotti alimentari, trattamento termico, albume, campi elettrici pulsati, fluido, resistenza, succo frutta, vitamina, alimenti proteici, conservanti, prodotto, semilavorato, temperatura, acqua, bassa temperatura, estrazione, nutrizionale, qualita, stabilita, ultrasuoni, alimentare, coagulazione, laurea scienze tecnologie alimentari, ph, te, zucchero, alta pressione, conservazione, microbico, prodotto alimentare, shelf life, affumicamento, bottiglia, filtrazione, qualitativo, sterilizzazione, uova

Discussioni correlate