Accreditamento di un Laboratorio: condivisione di esperienze

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Chimica degli Alimenti --> Accreditamento di un Laboratorio: condivisione di esperienze --> M5871

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Accreditamento di un Laboratorio: condivisione di esperienze. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Accreditamento di un Laboratorio: condivisione di esperienze

Ciao ragazzi :-)

per prima cosa mi sembra utile, per poter affrontare e articolare questo argomento correttamente, riportare quanto indicato dalla normativa cogente:

da qui con i vari interventi (mi auguro numerosi) sarà possibile addentrarci nell'intressante argomento dell'accreditamento di laboratori alimentari.

Il Reg (CE) 882/2004

Art.12Laboratori ufficiali

1. L’autorità competente designa i laboratori che possono eseguire l’analisi dei campioni prelevati durante i controlli ufficiali.

2. Le autorità competenti designano soltanto i laboratori che operano, sono valutati e accreditati conformemente alle seguenti norme europee:

a) EN ISO/IEC 17025 su «Criteri generali sulla competenza dei laboratori di prova e di taratura»;

b) EN 45002 su «Criteri generali per la valutazione dei laboratori di prova»;

c) EN 45003 su «Sistemi di accreditamento dei laboratori di taratura e di prova-requisiti generali per il funzionamento e il riconoscimento», tenendo conto dei criteri per i diversi metodi di prova stabiliti nella normativa comunitaria in materia di mangimi e di alimenti.

3. L’accreditamento e la valutazione dei laboratori di prova di cui al paragrafo 2 possono riguardare singole prove o gruppi di prove.

4. L’autorità competente può annullare la designazione di cui al paragrafo 1 se le condizioni di cui al paragrafo 2 non sono più rispettate.

Sempre tale regolamento tiporta al Capo III riporta che:

I metodi di campionamento e analisi utilizzati nel contesto dei controlli ufficiali sono conformi alle pertinenti norme comunitarie oppure

a) se tali norme non esistono, a norme o protocolli riconosciuti internazionalmente, ad esempio quelli accettati dal CEN o quelli accettati dalla legislazione nazionale; oppure in assenza, ad altri metodi utili al raggiungimento degli obiettivi o sviluppati conformemente a protocolli scientifici.

2. Allorquando il paragrafo 1 non è d’applicazione, i metodi di analisi possono essere convalidati in un unico laboratorio conformemente ad un protocollo riconosciuto internazionalmente

Per ora è tutto!

by marco896



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

laboratorio, analisi, controllo ufficiale, regolamento ce n 882 2004, requisiti, conforme, alimenti, alimentare, taratura, legislazione, campione, campionamento

Discussioni correlate (versione beta)








IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.