Quale valore aggiunto porta certificarsi BRC e IFS

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Quale valore aggiunto porta certificarsi BRC e IFS --> M3375

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Quale valore aggiunto porta certificarsi BRC e IFS. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Quale valore aggiunto porta certificarsi BRC e IFS

Ciao Trentino,

è proprio questa la differenza... un'azienda non può decidere di applicare o meno il paccetto igiene, è una normativa cogente quindi lo deve fare e basta, propio perchè è normativa cogente è sempre piuttosto opinabile e soggettiva mentre una BRC ti dice esattamente e molto esplicitamente  cosa e come deve essere implementato. Per esempio non mi risulta che nessun articolo del pacchetto igiene si esprima come il punto il punto 5.3 del BRC "L’azienda deve avere un’adeguata attrezzatura per la rilevazione dei corpi estranei ed assicurare la sua efficacia operativa" e di seguito:  

5.3.1          ‑Deve esserci un’attrezzatura per la rilevazione dei corpi estranei a meno che si possa giustificare che non è necessaria. Tale giustificazione deve essere documentata. L’attrezzatura per la rilevazione deve essere collocata in modo da massimizzare il rilevamento dei corpi estranei nel prodotto finito.

5.3.2          ‑La sensibilità del rilevamento deve essere specificata e devono essere applicate le migliori pratiche relativamente alla natura dell’alimento, alla collocazione del rilevatore e ad ogni altro fattore che influisca sulla sensibilità dello stesso.

5.3.3          Il rilevatore di metalli o corpi estranei deve comprendere i seguenti aspetti basandosi sulle migliori pratiche:

  • un allarme su un sistema di arresto a nastro
  • un sistema di rifiuto automatico, che devi il prodotto contaminato fuori dal flusso del prodotto oppure in un’unità di sicurezza accessibile solo a personale autorizzato
  • dei rilevatori in linea che localizzino la presenza del contaminante ed effettivamente segreghino il prodotto contaminato.
  • Ci devono essere procedure documentate che specifichino l’azione correttiva e di analisi da intraprendere in caso di rilevamento di metalli o di corpi estranei.

5.3.4          L’azienda deve stabilire ed implementare procedure per l’operatività, il monitoraggio di routine, la verifica e la taratura del rilevatore di metalli o di altri corpi estranei. Ciò deve includere come minimo:

  • frequenza e sensibilità dei controlli
  • autorizzazione del personale addestrato a compiere determinate operazioni
  • documentazione dei controlli.

5.3.5          L’azienda deve stabilire ed implementare azioni correttive e procedure di registrazione nel caso in cui le operazioni di monitoraggio e di verifica rilevino un qualunque guasto al rilevatore di metalli o di corpi estranei. Le azioni devono comprendere una combinazione di isolamento, quarantena e reispezione di tutti gli alimenti prodotti dall’ultima verifica di accettazione del rilevatore di metalli o di altri corpi estranei.

Oppure  relativamente alla formazione degli operatori, la 852/2004 allegato 2 capitolo 12 recita:

Gli operatori del settore alimentare devono assicurare:

1. che gli addetti alla manipolazione degli alimenti siano controllati e/o abbiano ricevuto un

addestramento e/o una formazione, in materia d'igiene alimentare, in relazione al tipo di

attività;

2. che i responsabili dell'elaborazione e della gestione della procedura di cui all'articolo 5,

paragrafo 1 del presente regolamento, o del funzionamento delle pertinenti guide abbiano

ricevuto un'adeguata formazione per l'applicazione dei principi del sistema HACCP; e

3. che siano rispettati i requisiti della legislazione nazionale in materia di programmi di

formazione per le persone che operano in determinati settori alimentari.

MENTRE IL PUNTO 7.1 DEL BRC RECITA:

 

                FUNDAMENTAL

                   L’azienda deve assicurare che il personale che svolge lavori che influenzano la sicurezza, legalità e qualità del prodotto siano dimostrabilmente competenti nel condurre le loro attività, attraverso l’addestramento, l’esperienza lavorativa o la qualifica.

7.1.1          Tutto il personale, incluso quello temporaneo e gli appaltatori, deve essere adeguatamente addestrato prima di iniziare il lavoro ed adeguatamente supervisionato durante il periodo di lavoro.

7.1.2          Qualora il personale sia impegnato in attività collegate ai punti critici di controllo, deve esserci un addestramento specifico e procedure documentate di monitoraggio.

7.1.3          L’azienda deve mettere in atto programmi documentati che coprano le necessità di addestramento del personale pertinente. Questi devono includere come minimo:

  • identificazione delle necessarie competenze per i ruoli specifici
  • messa a disposizione dell’addestramento o di altre azioni per assicurare che il personale abbia le necessarie competenze
  • riesame ed audit dell’implementazione ed efficacia della formazione e della competenza del docente
  • considerazione dell’erogazione della formazione nelle opportune lingue degli addestrati.

7.1.4          Le registrazioni di tutti gli addestramenti devono essere disponibili. Ciò deve includere come minimo:

                       nome dell’addestrato e conferma della presenza

  • data e durata
  • titolo o contenuti del corso come opportuno
  • fornitore della formazione.

7.1.5          ‑L’azienda deve periodicamente riesaminare le competenze del personale e fornire la relativa formazione come opportuno. Ciò potrebbe essere sotto forma di addestramento, aggiornamento, istruzione, affiancamento o esperienza sul campo.

Mi sembra sia abbastanza chiara la differenza..

senza parlare poi di argomenti quali la Responsabilità della Direzione o il migliormanto continuo.

Saluti

Omar

 

 

 

 



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

corpo estraneo, formazione, prodotto, controllo, alimenti, monitoraggio, verifica, brc, lavoro, sicurezza, azione correttiva, contaminato, registrazione, audit, igiene, operatore settore alimentare, regolamento ce n 852 2004, contaminanti, fornitore, legislazione, qualita, taratura, igiene alimenti, pacchetto igiene, requisiti, analisi, haccp, alimentare

Discussioni correlate (versione beta)








IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.