Definizione ed esempi pratici di Control Points (CPs)

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Definizione ed esempi pratici di Control Points (CPs) --> M9586

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Definizione ed esempi pratici di Control Points (CPs). Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Definizione ed esempi pratici di Control Points (CPs)

"Per quanto riguarda il resto, lo Stoccaggio Refrigerato può essere prerequisito perchè così definito per esempio nelle Linee guida sui criteri per la predisposizione dei piani di autocontrollo per l’identificazione e la gestione dei pericoli negli stabilimenti che trattano gli alimenti di origine animale, di cui al Regolamento CE 853/2004 del 25/07/2012 . Essendo un prerequisito operazionale, secondo quanto definito da IFS, può diventare CP. Insomma motivando nella maniera corretta può essere tutto... (e andando fuori argomento, in questo vedo il fallimento del metodo HACCP)." 

OTTIMA RIFLESSIONE!

 

"La cottura: applicando l'albero delle decisioni, la cottura in moltissimi flussi risponde alla domanda "esiste una fase successiva in grado di ridurre a livelli accettabili il pericolo" e pertanto è spesso CCP (basti pensare alla cottura della carne per esempio per il pericolo salmonella)."

AH, IL NOSTRO GRANDE AMICO ALBERO DELLE DECISIONI! Quante volte mi ha mandato fuori di testa. Il tuo ragionamento fila, concordo skuertis. La mia osservazione riguarda cotture ad esempio a 180° per 120 minuti. Perché è un CCP? Una volta che ho dimostrato a livello di procedure che supero 65° al cuore (e sfido, dopo due ore a 180°!) perché devo considerarlo come CCP? Mi è sempre stato detto di non interpretare l'albero delle decisioni, però....

 

"Pongo una ulteriore domanda/riflessione: se l'etichettatura riporta la presenza di allergeni, questa può essere vista come CCP? (la perdita di controllo- ovvero non scrivere gli allergeni- genera un problema di sicurezza alimentare)"

BELLA!

Il problema è il monitoraggio e gli strumenti. I CCP  devono essere misurabili e avere dei limiti critici e qui è tosta.

Direi che fondamentali sono le procedure, non tutto ciò che può causare problemi di sicurezza è un CCP (i corpi estranei sono una potenziale causa di problemi di sicurezza ma non tutti hanno il metal detector e quindi non per tutti può essere CCP) ma un CCP serve sempre a monitorare fasi che possono dare problemi di sicurezza.



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

critical control point, sicurezza, cottura, pericolo, livello, allergeni, controllo, ifs, piano autocontrollo, stoccaggio, carne, metal detector, corpo estraneo, limite critico, regolamento ce n 853 2004, control point, haccp, monitoraggio, sicurezza prodotti alimentari, alimenti origine animale, salmonella

Discussioni correlate (versione beta)








IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.