Guida alla Hazard Analysis & Critical Control Point (HACCP)

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Qualità e Sicurezza Alimenti --> Guida alla Hazard Analysis & Critical Control Point (HACCP) --> M4443

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Guida alla Hazard Analysis & Critical Control Point (HACCP). Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Guida alla Hazard Analysis & Critical Control Point (HACCP)
Buon pomeriggio a tutti!! ^__^

Riprendo in questa sede una serie di miei vecchi post dedicati all'argomento Analisi dei Pericoli e dei Punti Critici di Controllo (HACCP) per introdurre i concetti che stanno alla base di questo strordinario strumento d'indagine a disposizione degli Operatori del Settore Agroalimentare.

Nel corso della trattazione cercheremo di ripercorrere insieme la storia che ha condotto all'elaborazione di questo potente strumento, i testi che ne hanno posto le basi, fino ad arrivare ad esempi pratici e veri e propri casi studio.

E' utile ribadire che lo sviluppo di questa dissertazione è esteso a tutti gli utenti!

Breve storia della HACCP

Con la Rivoluzione Industriale, il crescente abbandono delle campagne a favore delle sempre più popolose città indusse la necessità di incrementare drasticamente la produzione di alimenti e di accrescerne la disponibilità. Questo, tuttavia, portò alla luce un nuovo problema, ossia la necessità di garantire ai consumatori un prodotto salubre su larga scala.

Il primo approccio fu quello di sottoporre a verifiche a campione il prodotto finito, ma presto ci si accorse che questa tecnica presentava grosse lacune: innanzitutto, generava notevoli sprechi di prodotto (dato che spesso i test erano fortemente invasivi), inoltre non forniva sufficienti garanzie di affidabilità.

Un miglioramento si ebbe con l'introduzione delle Buone Pratiche di Fabbricazione (in inglese Good Manufacturing Practices, abbreviato in GMP), aventi lo scopo di accrescere la sicurezza degli alimenti, mediante requisiti e linee guida per i produttori.

La grande svolta si ebbe però con le prime missioni spaziali, per le quali la National Aeronautics and Space Administration (NASA) applicò sistematicamente una tecnica basata su un approccio completamente differente, di tipo preventivo: nacque la HACCP.

Questa sigla sta ad indicare Hazard Analysis and Critical Control Points, correttamente tradotta in italiano in Analisi dei Pericoli e Punti Critici di Controllo.

Nelle prossime dichiarazioni vedremo più nel dettaglio in cosa consista.

Stay connected!
Giulio



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

prodotto, haccp, base, gmp, analisi pericoli, consumatore, sicurezza prodotti alimentari, requisiti, alimenti, controllo, operatore settore alimentare, verifica, campione, scienze tecnologie alimentari, controllo haccp, produzione, critical control point

Discussioni correlate (versione beta)








IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.