Decreto Balduzzi: Attenzione ci tolgono le formazioni!!

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Professione Tecnologo --> Decreto Balduzzi: Attenzione ci tolgono le formazioni!! --> M6774

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Decreto Balduzzi: Attenzione ci tolgono le formazioni!!. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Decreto Balduzzi: Attenzione ci tolgono le formazioni!!

Buongiorno a tutti,

copio-incollo di seguito il testo della RACCOMANDATA A.R. indirizzata all'Ordine Nazionale dei Biologi, presso il quale sono iscritto, da cui purtroppo - ancora oggi 23/03/2014 - non ho avuto alcuna risposta.

******* 

RACCOMANDATA A.R. indirizzata all'Ordine Nazionale dei Biologi - Via Icilio, 7 - CAP 00153 ROMA

Alla cortese attenzione del Presidente Dott. Ermanno Calcatelli

OGGETTO: Attuazione del Decreto Legge 13-09-2012 n.158, convertito con modificazioni nella Legge del 08-11-2012 n.189 in materia di modalità di formazione del personale nel settore alimenti.

Egregio Presidente,

sto vivendo alla bella età di 51 anni, e come me molti altri professionisti Biologi del Settore, in una situazione estremamente preoccupante per la probabile entrata in vigore del Decreto Legge n°158 del 2012 (Balduzzi).

L’effettuazione da parte di professionisti abilitati, dei corsi HACCP per alimentaristi con il rilascio degli attestati di formazione ai sensi della Delibera n°559 del 2008 della Regione Toscana, diverrebbe improvvisamente non conforme ed inattuabile.

Come molti altri liberi professionisti Biologi, mi occupo di formazione HACCP per gli addetti del Settore Alimentare operando nel rispetto dei requisiti necessari stabiliti dalla attuale delibera della Regione Toscana.

La Delibera n°559 del 2008 della Regione Toscana prevede che i lavoratori che operano nel settore alimentare (panifici, ristoranti, pizzerie, etc) debbano frequentare corsi HACCP formativi in materia igienico alimentare.

Attualmente, secondo la sopra menzionata delibera, i corsi vengono fatti secondo due principali vie:

  1. attraverso agenzie formative accreditate;
  2. corsi organizzati dalle imprese con propria struttura organizzativa interna.

Al punto 2 si fa riferimento ai cosiddetti corsi aziendali dove il titolare dell'impresa decide di rivolgersi ad un professionista Biologo esterno (abilitato all'esercizio della professione) ed incaricarlo di effettuare la formazione dei propri dipendenti direttamente presso la propria azienda.

Ebbene, se il decreto Balduzzi entrasse in vigore non sarebbe più valida questa seconda modalità di formazione e non verrebbero più riconosciuti i relativi attestati formativi ottenibili solo attraverso agenzia formativa accreditata.

Non è possibile e del tutto incostituzionale che improvvisamente si decida di creare disoccupazione nella libera professione, impedendo di svolgere un lavoro portato avanti con impegno e per il quale ci siamo formati per tutta una vita, adducendo vincoli e requisiti come superfici, aule e collaboratori obbligatori, che in definitiva si traducono in consistenti spese di gestione ed impossibilità di continuare a lavorare a coloro che esercitano come liberi, autonomi, individuali professionisti.

Tutto questo in pieno contrasto con la legge istitutiva n°396 del 24-05-1967 sull’Ordinamento della Professione del Biologo oltre che incostituzionale.

Perché mai non lasciare continuare ad effettuare la formazione dei lavoratori direttamente presso le aziende alimentari da liberi professionisti pienamente abilitati e competenti? Si cerca di favorire le grandi associazioni per caso?

Se il problema è quello di uniformare il programma didattico (riguardante i corsi formativi) su tutto il territorio nazionale e per tutte le regioni, non è necessario bloccare tutta la categoria professionale inventando le agenzie formative accreditate, ma semplicemente fornendo a tutte le regioni un programma didattico comune in modo che non esistano differenze di programma tra un regione e l’altra e in modo tale che gli attestati rilasciati abbiano validità ovunque e non soltanto nell’abito della regione nella quale sono stati emessi.

Con queste motivazioni si sta tentando spudoratamente di eliminare il lavoro autonomo e di cancellare la categoria dei il liberi professionisti obbligandogli a coalizzarsi in associazioni (nel mio caso impossibile da portare avanti) con evidente limitazione della libertà e del diritto al lavoro.

Sono iscritto all’Ordine dei Biologi Italiani da 20 anni, pago regolarmente le tasse e il reddito che percepisco attualmente mi basta appena per sopravvivere. Sembra che l'insegnamento, la professionalità, l’abilitazione la conoscenza degli argomenti trattati dipendano ormai dall'aula formativa e da queste fantomatiche agenzie formative accreditate.

Se il decreto Balduzzi entrasse realmente in vigore, andremmo tutti ad incrementare il già cospicuo numero di disoccupati che abbiamo in circolazione. Questo è un fatto allarmante e inammissibile che non può essere ignorato in un Paese civile come il nostro.

Ho un'esperienza professionale in questo Settore di 15 anni, che si è andata consolidando e migliorandosi con un assiduo e continuativo, responsabile ed imprescindibile studio e aggiornamento come Biologo consulente.

Si parla tanto di qualità del lavoro, di incrementare la professionalità, la qualità, etc. servendosi di personale competente (tecnici laureati abilitatati) ma si fa di tutto per ostacolare, complicare, arrivando ad escludere persone pienamente abilitate all’esercizio di attività lavorative che fanno parte del loro ambito di competenza, togliendogli la dignità, la professionalità, apportando considerevoli danni economici.

Il quadro lavorativo in questo paese è già molto grave, con livelli di disoccupazione allarmanti e questo provvedimento prospetta una situazione a dir poco drammatica che danneggerebbe in maniera enorme migliaia di altri colleghi Biologi che come me operano in questo settore.

Spero che ci si renda conto della gravità della situazione e che nostri diritti, compreso quello al lavoro, vengano fatti valere.

Si fa urgente premura di fornire un riscontro scritto.

Con osservanza,

Dr. Bruno Brogi



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

professionista, lavoro, formazione, legge, professionalita, qualita, settore agroalimentare, professione, professionale, corso haccp, requisiti, associazione, alimentaristi, ristorante, laurea, non conforme, igienico, azienda settore agroalimentare, consulente, libera professione, scienze tecnologie alimentari, livello, alimenti, formazione haccp, alimentare

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.