Obbligo indicazione d'origine in etichetta

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Obbligo indicazione d'origine in etichetta --> M3641

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Obbligo indicazione d'origine in etichetta. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Obbligo indicazione d'origine in etichetta

Ecco quanto scrive Giuseppe De Giovanni in merito all'indicazione obbligatoria dell'origine, in vista del nuovo regolamento (tema sul quale si sono lette, come d'abitudine, molteplici sciocchezze):

Attualmente specifiche disposizioni comunitarie prescrivono l'obbligo dell'indicazione dell'origine per il miele, gli ortofrutticoli, i prodotti ittici, le carni bovine e l'olio di oliva. La Commissione dovrà elaborare una norma correlata nei prossimi anni su altri prodotti alimentari suscettibili di essere sottoposti a questo obbligo, quali il latte, i prodotti a base di un solo ingrediente, i prodotti non trasformati e gli ingredienti che rappresentano più del 50% del prodotto finito e presentare, successivamente, eventuali proposte di modifica o integrazione del regolamento.

Situazioni più complesse possono presentarsi, quali ad esempio il caso dell'indicazione del Paese d'origine o del luogo di provenienza che non sono quelli di provenienza dell'ingrediente (o ingredienti primari). Casi di un prodotto di salumeria fabbricato in Italia con carni suine provenienti da altri Paesi, saranno oggetto di successiva decisione comunitaria.

Le misure decise sul Paese d'origine o il luogo di provenienza lasciano inalterato l'attuale principio secondo cui l'indicazione è obbligatoria, quando l'assenza è suscettibile di indurre in errore i consumatori sul reale Paese d'origine o luogo di provenienza del prodotto.

L'obbligo viene poi esteso, nel settore delle carni, alle carni fresche, refrigerate o congelate delle specie suina, ovina o caprina e di volatili. Non v'era infatti alcun motivo logico di escludere tali carni da tale obbligo.

Altro caso riguarda l'indicazione volontaria dell'origine del prodotto finito quando questa non coincide con l'origine dell'ingrediente o della categoria di ingredienti primari. In questo caso vanno indicate ambedue le origini oppure può essere riportato che l'ingrediente primario ha l'origine diversa da quella del prodotto finito.

In questi tre casi la Commissione entro due anni dovrà precisare le modalità di applicazione, per evitare problemi nei diversi Paesi.

(fonte: ALIMENTA)

 



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

ingrediente, prodotto, carne, olio oliva, prodotti ittici, base, prodotto alimentare, carne suino, carne bovino, fresco, miele, latte, consumatore

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.