Limiti di Legge per il Pane Precotto (non surgelato)

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Limiti di Legge per il Pane Precotto (non surgelato) --> M8326

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Limiti di Legge per il Pane Precotto (non surgelato). Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Limiti di Legge per il Pane Precotto (non surgelato)

Legge del 04/07/1967 n°580

TITOLO III - PANE

Art. 14 - Articolo sostituito dall'Articolo 22 del Decreto Legislativo n°109 del 27/01/1992 e, successivamente, dall'Articolo 44 della Legge n°146 del 22/02/1994 come segue:

1. E' denominato "pane" il prodotto ottenuto dalla cottura totale oparziale di una pasta convenientemente lievitata, preparata con sfarinati di grano, acqua e lievito, con o senza aggiunta di sale comune (cloruro sodico).

2. Il prodotto di cui al comma 1 ottenuto da una cottura parziale, se destinato al consumatore finale deve essere contenuto in imballaggi singolarmente preconfezionati recanti in etichetta le indicazioni previste dalle disposizioni vigenti e, in modo evidente, la denominazione "pane" completata dalla menzione "parzialmente cotto" o altra equivalente, nonché l'avvertenza che il prodotto deve essere consumato previa ulteriore cottura e l'indicazione delle relative modalità della stessa.

3. Nel caso di prodotto surgelato, oltre a quanto previsto dal comma 2, l'etichetta dovrà riportare le indicazioni previste dalla normativa vigente in materia di prodotti alimentari surgelati, nonché la menzione "surgelato".

4. Il pane ottenuto mediante completamento di cottura di pane parzialmente cotto, surgelato o non, deve essere distribuito e messo in vendita, previo confezionamento ed etichettature riportanti le indicazioni previste dalla normativa vigente in materia di prodotti alimentari, in comparti separati dal pane fresco e con le necessarie indicazioni per informare il consumatore sulla natura del prodotto.

5. Per il prodotto non destinato al consumatore finale si applicano le norme stabilite dall'art. 17 del decreto legislativo 27 gennaio 1992, n°109



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

pane, prodotto, cottura, surgelati, etichetta, prodotto alimentare, cotto, consumatore, lievito, confezionamento, frumento, imballaggi, legge, sale, fresco, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, acqua, preconfezionato, legislativo, pasta, prodotto surgelato, prodotto non destinato consumatore finale

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.