Warning: mysql_fetch_array() expects parameter 1 to be resource, boolean given in /web/htdocs/www.taff.biz/home/index.php on line 375 GDO: Discordanze tra Etichette di Formaggi Preincartati (by ) #M - Taff

GDO: Discordanze tra Etichette di Formaggi Preincartati

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> GDO: Discordanze tra Etichette di Formaggi Preincartati --> M8152

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo GDO: Discordanze tra Etichette di Formaggi Preincartati. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: GDO: Discordanze tra Etichette di Formaggi Preincartati

Lasciando all'autore delle foto il compito di rispondere a roxina, mi dedicherò (ancora una volta, ma so che non sarà l'ultima...) ai preincartati.

Dunque, l'ultimo commento di marco896 contiene diversi punti:

# diciture obbligatorie sugli “sfusi”

L'unico contributo dell'1169 alla confusa normativa nazionale è quella relativa all'obbligatorietà di indicazione degli allergeni (art. 44). Quanto alle disposizioni nazionali (in attesa delle future novità), ci tocca riandare al 109, che, sull'argomento è quanto mai impreciso, tanto è vero che se ne continua a discutere. Ho già espresso il mio punto di vista sull'argomento e non ci ritornerò (vedi https://www.taff.biz/legislazione-alimentare/2098-5-indicazione-allergeni-in-vaschette-preparate-al-supermercato/1 ). Sta di fatto che della suddetta imprecisione si continua ad approfittare, per ignoranza (poca) o malafede (tanta).

# perché riconfezionare un preincartato?

A parte ogni altra cosa, perché fornire un imballo a un prodotto che è già compiutamente confezionato ed etichettato? Da quel che risulta dalle foto la spiegazione, per me, è quella che ho già indicato: consentire la vendita oltre la data di scadenza. Punto.

# e se il “caseificio” fosse d'accordo?

Be', l'ipotesi mi pare ampiamente assurda. A parte ogni altra considerazione legale, la faccenda si presenta svantaggiosa in puri termini commerciali. Per quale ragione la GDO dovrebbe sobbarcarsi dei costi del riconfezionamento (ovviamente senza alterare le indicazioni del produttore, altrimenti ricadiamo nel punto precedente)? Certo è possibile che la GDO venda a proprio Marchio (quindi essendone responsabile) prodotti fabbricati da terzi, ma questa è un'altra storia.



torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

gdo, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, confezionamento, scienze tecnologie alimentari, talkin about food forum, data scadenza, prodotto, legislazione alimentare, caseificio

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.