Reg.1169/2011: indicazioni obbligatorie in etichetta

TAFF: TalkinŽabout Food Forum

Sei qui: Legislazione Alimentare --> Reg.1169/2011: indicazioni obbligatorie in etichetta --> M4078

Attenzione: Stai leggendo una singola dichiarazione, che fa parte di una discussione piu' ampia dal titolo Reg.1169/2011: indicazioni obbligatorie in etichetta. Se desideri partecipare alla discussione è necessario che tu acceda al Forum, previa registrazione. Per maggiori dettagli puoi consultare la F.A.Q.


Oggetto: Reg.1169/2011: indicazioni obbligatorie in etichetta
Proviamo a rileggere ciò che dice il regolamento:
informazioni obbligatorie: ... il nome o la ragione sociale e l’indirizzo dell’operatore del settore alimentare di cui all’articolo 8, paragrafo 1; e cioè: L’operatore del settore alimentare responsabile delle informazioni sugli alimenti è l’operatore con il cui nome o con la cui ragione sociale è commercializzato il prodotto o, se tale operatore non è stabilito nell’Unione, l’importatore nel mercato dell’Unione.
Dunque il nome che compare (comparirà) è quello di chi "commercializza", il che, indubbiamente, non è detto corrisponda a quello di chi "produce" (ma era così anche col 109: l'articolo segnalato da gris.a mostra i casi in cui non ricorreva l'obbligo di indicare lo stabilimento di produzione).
In buona sostanza, questa indicazione non potrà essere utile per individuare l' "origine", tanto è vero che a questo tipo di informazione il regolamento (come del resto anche il 109) dedica una indicazione specifica (il paese d'origine o il luogo di provenienza...).
Tutto ciò non vuol dire che sia vietato inserire indicazioni ulteriori (purchè non in contrasto con la legge, né ingannevoli per il consumatore) del tipo "prodotto nello stabilimento di...", "prodotto da... per conto di ..." e simili: l'unico obbligo, come detto, è che compaia l'identificazione dell'OSA definito dall'art. 8, comma 1.
La questione "origine e provenienza" è complessa (e ciò è dimostrato dai tanti dubbi che continua a suscitare) e la complessità è dettata dai notevoli interessi in gioco, tra i quali (a mio avviso) NON c'è quello di consentire al consumatore scelte consapevoli ecc. ecc. (anche se questo argomento è sfruttato tanto ampiamente quanto strumentalmente).
Per chiarire meglio il mio pensiero ti segnalo questo articolo.

ciao

alf


torna alla discussione email print download award

Parole chiave (versione beta)

operatore settore alimentare, prodotto, consumatore, decreto legislativo 27 gennaio 1992 n 109, alimenti, legge

Discussioni correlate (versione beta)









IMPORTANTE! Lo Staff di taff.biz non si assume alcuna responsabilità sui contenuti del Forum (discussioni, dichiarazioni, files allegati, e-mails, etc.), in quanto rilasciati autonomamente dagli utenti, che pertanto debbono essere considerati gli unici responsabili delle proprie azioni. Le dichiarazioni rilasciate dagli utenti non sono soggette ad alcuna moderazione; tuttavia lo Staff si riserva il diritto di intervenire eliminando o modificando, qualora lo ritenesse opportuno, i messaggi che, a seguito di controlli saltuari o di segnalazione da parte di altri utenti, venissero giudicati inopportuni per forma e/o contenuti o non rispettanti le regole del Forum.